A un passo dalla fine!

I Ragazzi dello “Zaleuco” di Locri diventano reporter per lo sviluppo

Esplorando il territorio con un’esperienza di monitoraggio civico sui beni

confiscati alle cosche.

Siamo giunti alla penultima tappa del nostro faticoso ma affascinante viaggio con “A Scuola di Opencoesione”.La corsa verso il raggiungimento del nostro obbiettivo ha          previsto una sosta in via Garibaldi, presso l’Ostello della Gioventù, scelta come opera        pubblica su cui si è sviluppato il nostro percorso di indagine sull’uso delle risorse comunitarie impiegate a favore della nostra regione. La struttura dell’ostello è stata scelta a oggetto del nostro lavoro di indagine perché siamo stati subito affascinati dal messaggio di cambiamento sociale veicolato da un bene prima in possesso delle cosche che in futuro, invece, potrà rappresentare per il nostro territorio una chance di sviluppo. La tappa del 14 aprile 2015 si è rivelata un’emozionante esplorazione: telecamere e giornalisti erano lì per noi e la nostra adrenalina era altissima.  Sin da subito i giornalisti di Telemia, Promovideo, Lente Locale, Rai tre, la Gazzetta del Sud e il Garantista si sono mostrati molto disponibili e socievoli con noi ragazzi mettendoci a nostro agio nonostante fossimo molto emozionati all’idea di dover essere intervistati e ripresi davanti alle imponenti telecamere. E, ad un tratto “Ciak! Si gira!”. Iniziava la prima intervista nella quale il nostro “collega” Ciccio, con voce tremante ma soddisfatta, ha esposto brillantemente il nostro lavoro e le nostre idee, incuriosendo sempre più i giornalisti. Ma il desiderio che più ci premeva era visitare l’ostello e scoprire che cosa ci attendeva in cima a quel misterioso edificio, che finalmente, potevamo visitare dopo quattro lunghi mesi. Con grande soddisfazione abbiamo potuto notare che la struttura era stata ben realizzata utilizzando uno stile moderno e semplice. Subito ci siamo resi conto che ne avremmo conservato entusiasmanti ricordi, privi di qualsiasi pregiudizio nei confronti di quello che l’edificio era stato un tempo. Intanto le riprese proseguivano ma questa volta eravamo noi a farle. Tra una risata e l’altra ci siamo calati nella veste di giornalisti e, muniti di Ipad, Iphone e registratori vocali, abbiamo dato inizio alla nostra sfrenata ricerca di persone da intervistare. Alcune di loro si sono dimostrate disponibili ad esprimere il loro parere mentre altri hanno esternato una visibile difficoltà ad esprimere il proprio parere sull’opera. Quindi come giornalisti di tutto rispetto, non ci siamo fatti mancare anche l’ospite d’onore: il Vescovo della Diocesi Locri-Gerace Monsignor Francesco Oliva. Siamo stati calorosamente accolti da Monsignor Oliva nella sede episcopale  e lì abbiamo sviluppato un avvincente dialogo. I suoi consigli e le sue opinioni sono stati molto significativi e incoraggianti. Il presule ci ha fatto comprendere che la nostra è una terra in grado di offrirci tante cose belle e che noi giovani dovremmo proporre e sostenere in modo deciso e fiero la riscoperta e la valorizzazione del consistente patrimonio a nostra disposizione. Interrogato sulla struttura indagata dal nostro percorso di cittadinanza attiva ha subito messo in chiaro la sua opinione positiva circa le nuove opportunità che la quest’opera comporterà per noi giovani. Potrà contribuire in futuro alla crescita economica e sociale di Locri di cui soprattutto noi giovani dovremmo essere protagonisti ed artefici.

#Ilnostroprogetto

 

PhotoGrid_1429018569763-1

#ciaksigira

 

PhotoGrid_1429168891709 

 

 

 

PhotoGrid_1429169399192

PhotoGrid_1429171064145

siiiiii1

 

#inostricontatti

facebook                 https://www.facebook.com/groups/OpenZaleuco/

 

twitter-logo-2013                  https://twitter.com/QZaleuco?lang=it

 

youtube_icon             https://www.youtube.com/channel/UCme9sUrN1aEk1rtG37Oc5wg/videos

 

                                                #articolieservizitv

 

10868279_327460677442756_8081011440742832976_n