Il banner di Open Garda

Approfondimento 2 – I risultati

L’applicazione del il “Garda Bello e Buono”

Applicazione "Garda Bello e Buono"

Applicazione “Garda Bello e Buono”

Per informarci in modo approfondito riguardo al percorso della pista ciclabile, la quale tocca diversi paesi lacustri, abbiamo consultato l’applicazione ‘Garda Bello e Buono’ finanziata con fondi europei e che rientra all’interno di un progetto della provincia di Brescia per investire e ampliare le piste ciclabili. Tale applicazione è stata commissionata dalla provincia e presa in gestione, dopo essere stata acquistata, dal Comune di Desenzano, realizzata e promossa proprio grazie ai fondi stanziati dall’Unione europea, per il progetto  “Il Garda bresciano. Uno sguardo dalle mura antiche alle oasi naturali”. Il software è stato realizzato da IsoAmbiente, un’azienda di Molinetto, in provincia di Brescia. Il nostro progetto si è avvalso proprio del dataset di questa applicazione, fornitoci dal prof. Fulvio Bottarelli e dall’Ing. Silvia Stabile, prima in formato shape *.shp e successivamente, su nostra richiesta, in formato geolocalizzato *.gpx. Grazie a tale tipologia di file, è stato possibile chiedere al dott. Ferrari di Regione Lombardia di caricare i dati relativi alla localizzazione delle piste e fornire un servizio utile a tutti i turisti e a tutti i cittadini, consentendo una visione d’insieme delle piste ciclabili e dei relativi punti di interesse in formato open data. Abbiamo potuto realizzare questo importante traguardo, dopo che Isoambiente ci ha dato l’autorizzazione di rendere pubblici ed usabili i loro dataset. Tornando all’applicazione  ‘Garda Bello e Buono’ , ci accorgiamo subito, quando consultiamo  l’ app, che la pagina principale è divisa in quattro sezioni : la prima è il ‘bello’ in cui vengono mostrate tutte le bellezze del lago: monumenti, chiese, musei, e altre attrattive turistiche; la seconda è il ‘buono, dedicata al cibo,  in cui  possiamo trovare un itinerario dedicato alla ricerca di agriturismi e aziende agricole; la terza, alla quale il nostro gruppo ha fatto riferimento, è chiamata ‘percorsi’, dove gli amanti della bicicletta possono trovare 19 tracciati, che si estendono da Desenzano a Limone; la quarta sezione suddivisa a sua volte in  ‘località’  come  Gardone Riviera , Salò, Sirmione, Desenzano del Garda, Limone sul Garda, Remosine, Padenghe, Lonato, Manerba del Garda e tante altre, ‘tipologia’ in cui vengono proposti incontri, mostre, concerti, sagre e fiere, sport, teatro o cinema specificando le date e gli orari.

L’applicazione è un’idea per rendere più semplice l’esplorazione del Garda, sostituendo cartine e guide. Un software sempre aggiornato, disponibile per Smartphone, iPhone e Android in quattro lingue: italiano, francese, tedesco e inglese.

Un risultato molto importante che abbiamo ottenuto riguardante l’applicazione  ‘Garda Bello e Buono’  è stato quello di averla migliorata, resa più precisa e chiara, confrontandoci direttamente con l’ideatore dell’app: il professor Fulvio Bottarelli.  Abbiamo realizzato un Quality Check attraverso le nostre interviste sulla conoscenza e diffusione del prodotto e sulla sua facilità di utilizzo, siamo venuti a conoscenza della sua storia e del suo futuro (verrà infatti data in gestione ad un’unione di albergatori appassionati di biking). Il cuore del nostro progetto è che, non solo abbiamo ottenuto che l’applicazione fosse costantemente aggiornata e, ma come già affermato in precedenza, abbiamo reso open, fruibile a tutti, il dataset originariamente proprietario in modo esclusivo dalla azienda produttrice della app.

La mappa dei punti di interesse

Ecco di seguito la mappatura completa e aggiornata della pista ciclabile e dei relativi punti di interesse, già richiamata nel nostro articolo sulla terza lezione “OpenGarda impara ad analizzare