E così finisce la nostra avventura…

Oggi 30 Marzo 2015, si è tenuta la quinta ed ultima lezione del progetto “A Scuola Di OpenCoesione” intitolata “Raccontare”, una lezione molto diversa dalle precedenti in quanto si è tenuta all’interno del parcheggio e non in un laboratorio della nostra scuola. Tutto questo è stato reso possibile grazie ai nostri tenaci professori, i quali hanno voluto farci vedere di persona il progetto che fino a quel giorno stavamo solo analizzando dal punto di vista prettamente economico, e della quale non avevamo mai visto l’interno.

DSC_6711

Ad aspettarci davanti l’ingresso del parcheggio c’erano l’ingegner Franco e l’assessore Giannitrapani, i quali ci hanno guidato all’interno. Appena entrati ci hanno dato alcune caratteristiche tecnico-strutturali del progetto, ad esempio hanno riferito che nel parcheggio si trovano molteplici semafori, uno per ogni piano, che tramite l’accensione di una luce indicano se nel medesimo piano si hanno posti liberi; questo semplifica e velocizza la ricerca di un parcheggio, risultando anche più comodo per il guidatore.

Nell’avanzare della visita i nostri accompagnatori hanno anche fatto presente che nel parcheggio sono installati vari sensori di fumo, i quali sono collegati direttamente ad una cisterna idrica d’emergenza. Queste e molte altre informazioni sono state fondamentali per chiarire i nostri dubbi su come fossero stati spesi tutti i soldi.

In tutto, questo parcheggio può contenere 200 veicoli, tra auto e moto, il che lo rende una risorsa molto preziosa per la nostra provincia, ed è quindi stata un’ottima idea tenere sotto occhio questo progetto, perché sarebbe potuto finire nel dimenticatoio senza un’attenta vigilanza.

All’inizio eravamo tutti un po’ scettici su quanto noi potevamo essere “importanti” per un progetto pubblico, pensavamo che nessuno ci avrebbe dato retta, ma a sorpresa di tutti quanti,figure pubbliche e non solo, hanno dato la loro disponibilità per aiutarci nel nostro progetto e questo ha fatto si che tutto il gruppo si appassionasse al progetto ASOC, creando un gruppo unito, delle amicizie interne prima inesistenti e soprattutto imparando a lavorare in una vera squadra.

Sono state proprio questa passione e l’amore per la nostra città a permetterci di elaborare tutto quel che abbiamo pubblicato, tra vari impegni e disguidi, senza mai demoralizzarci un attimo.

Anche se non dovessimo vincere, noi del team HalfParking saremmo lo stesso felici perché se la città di Trapani un domani potrà vantare di avere un parcheggio grande ed utile a tutti, sarà anche un po’ grazie a noi.

La nostra esperienza con ASOC si conclude qua, per quest’anno… Con i dovuti ringraziamenti a:

  • L’ingegnere Franco e l’assessore Giannitrapani per essere stati cordialissimi e disponibili a soddisfare qualunque nostra richiesta.
  • Le dottoresse di Europe Direct Trapani, le quali ci hanno seguito ed aiutato affinché noi potessimo portare a compimento il nostro progetto.
  • L’esperto in Open Data Giulio Di Chiara per aver approfondito la nostra conoscenza sugli Open Data durante la terza lezione, per aver gentilmente lasciato la propria email, nel caso qualcuno avesse avuto bisogno di ulteriori approfondimenti e per averci incoraggiato durante il nostro percorso, tramite i Social.

Tweet Giulio

  • La nostra scuola, per averci sempre lasciato un laboratorio multimediale disponibile, ogni volta che il gruppo ne aveva bisogno.
  • I professori Antonina Manzo,Paola Angileri,Clara Mannina, Annamaria Trupiano e Antonino Candela per averci guidato durante l’evolversi delle lezioni

Alla prossima

Il team HalfParking.

 

HalfParking