A Scuola di OpenCoesione (ASOC) entra a pieno titolo nel novero delle best practices internazionali nell’ambito della partecipazione civica e della trasparenza dei dati aperti.

Open Knowledge Foundation (OKFN), la fondazione internazionale non profit che promuove da anni l’accesso libero alla conoscenza attraverso l’apertura dei dati e delle informazioni, dà ampio risalto al progetto nel suo ultimo e-book “Open Data as Open Educational Resources”. OKFN analizza alcuni casi di successo internazionali relativi alla conoscenza e all’utilizzo degli Open Data in ambito educativo e didattico, tra i quali emerge appunto ASOC, la cui storia e caratteristiche sono descritte approfonditamente nell’articolo “A Scuola di OpenCoesione: From Open Data to Civic Engagement”, di Chiara Ciociola e Luigi Reggi (pag 26 dell’e-book), ripreso in sintesi anche da Open Education Europa.

Sempre a proposito di buone prassi a livello internazionale, ASOC e OpenCoesione vengono citati anche nell’articolo “Educational strategies in data journalism: A comparative study of six European countries”, pubblicato di recente nel periodico accademico “Journalism”: una riflessione su come le opportunità per imparare tecniche di Data Journalism in Italia risultino prevalentemente legate a corsi non accademici, come è appunto il caso di ASOC, al contrario di altri Paesi come Olanda, Regno Unito e Germania, dove le università di giornalismo e comunicazione risultano più attive sul tema.

In sostanza, dalle pubblicazioni internazionali appena citate emerge come ASOC rappresenti in Italia una delle poche, preziose occasioni in grado di offrire alle giovani generazioni importanti strumenti di conoscenza per leggere il mondo con maggiore consapevolezza e quindi per offrire il proprio contributo attivo all’implementazione e al miglioramento delle politiche pubbliche.

ASOC sta crescendo, e la sua forza propulsiva sta innescando idee e iniziative nei territori, costruendo reti e alimentando il dibattito su diversi temi. Questo soprattutto grazie ai suoi protagonisti: i docenti e gli studenti delle scuole, i responsabili delle Associazioni e i referenti degli Europe Direct che affiancano tutte le attività del progetto sui territori.