Terminal bus: percorso di sopravvivenza

I ragazzi sono ormai giunti alla conclusione del progetto e hanno intenzione di fare un excursus su tutte le tappe che hanno percorso. Il loro progetto è iniziato dalla raccolta di dati riguardanti la costruzione del cavalcavia che avrebbe dovuto congiungere il terminal bus di Campobasso con Via Mazzini situata nei pressi del centro città. La realizzazione di tale struttura è tutt’oggi incompleta nonostante abbia avuto inizio vari anni fa e dunque i ragazzi si sono occupati della questione tramite interviste ai diretti interessati per comprendere meglio quali fossero state le cause della mancata realizzazione. Il progetto Opencoesione fornisce la presa  di visione sui fondi stanziati dall’Unione Europea, per evitare divari tra le regioni Italiane, ma spesso tali fondi non vengono utilizzati per le infrastrutture come nel nostro caso. É stato scelto questo tema perché ha una rilevante importanza dato che molti studenti del capoluogo sono pendolari e il cavalcavia sarebbe servito per velocizzare i tempi di arrivo nelle varie scuole e per garantire maggiore sicurezza nelle strade; non ci sono percorsi pedonali adeguati e nelle ore mattutine circolano numerose autovetture per motivi di lavoro e ciò rende difficile la viabilità. La prima fase dello svolgimento del progetto è  stata quella di informarsi su cosa  fosse la politica di coesione e per quale motivo l’Unione Europea stanzia determinati fondi. Nella seconda fase è stato scelto il progetto da trattare e gli studenti si sono informati sulla questione, ricercando i motivi dell’interruzione dei lavori, i finanziamenti stanziati  ed altre informazioni.

52

 

La lezione successiva ha previsto un incontro con l’ingegnere Nicola Bonavita, esperto di Open Data, che  ha illustrato in modo chiaro e soddisfacente cosa  fossero gli open data e quale fosse il loro scopo. Ai ragazzi è stato riferito infatti che gli open data sono dati precisi e pubblici che possono essere utilizzati da tutti i cittadini e forniscono informazioni riguardanti le modalità di investimento dei soldi pubblici destinati allo sviluppo. In sua compagnia gli studenti hanno svolto un’esercitazione e successivamente hanno analizzato anche i dati  raccolti  per accelerare e rendere meno difficile lo sviluppo del progetto. Nella penultima fase gli studenti  si sono occupati del monitoraggio civico e hanno intervistato alcuni  studenti pendolari e gli autisti dei bus urbani; hanno effettuato diverse foto scattate nei luoghi interessati per fornire prova delle effettive condizioni del cavalcavia. Nell’ultima lezione è stato  svolto un testo che ha permesso agli studenti di poter raccontare il progetto in modo creativo e di poterlo diffondere. Infine hanno compilato il formulario per la candidatura al concorso finale. Infine si può dire  che il cavalcavia congiungente il terminal bus con via Mazzini , situata al centro della città,. Nonostante i finanziamenti stanziati, risulta ancra un’opera incompiuta. Ma in base all’intevista   all’Assessore  alle Opere e ai Lavori Pubblici  del Comune di Campobasso (ente attuatore del progetto) , Pietro Maio,  ci si aspetta il completamento della struttura entro la fine dell’anno in corso o, perlomeno, il prima possibile.