Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

RISTRUTTURAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL CIRCOLO CANOTTIERI “LA PESCARA”: STORIA, IDENTITÀ E FUTURO.

€ 1.800.000,00 è la somma finanziata dal Fondo di Sviluppo e Coesione 2007-2013, per il restauro e valorizzazione del Circolo Canottieri “La Pescara” (infografica n.1). Beneficiario ed attuatore la Soprintendenza Archeologica per l’Abruzzo. Il progetto di riqualificazione intende restituire alla città un luogo simbolo e di aggregazione. Noi studenti della 4°A del Liceo Statale “G. Marconi” di Pescara, indirizzo Scienze umane opzione Economico Sociale, aderendo al monitoraggio civico A Scuola di OpenCoesione, ci stiamo occupando di analizzare i dati pubblici inerenti questo progetto e di capire quale sia lo stato dell’arte e quale sarà il futuro di questa storica struttura.

Il Circolo Canottieri “La Pescara” è stato fondato nel 1924 a nord del fiume omonimo e la sua sede, dove tuttora è ospitato, venne realizzata nel 1934. Nel 2024 si festeggerà il centenario. Il progetto originario rappresenta un eccellente esempio di architettura moderna razionalista e l’edificio rimanda al tema della nave. Nel 1926 al Circolo aderì anche Gabriele D’Annunzio che coniò, per la società sportiva, il motto tuttora in uso “Arranca! Sotto”.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali tramite la Direzione per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo, ha dichiarato la struttura “di interesse importante e sottoposto a tutte le disposizioni di tutela” con D.D.R. N.254 del 2010. In seguito l’Amministrazione Comunale, con Delibera di Giunta n. 8 del 2015, ha deciso di subentrare alla Provincia nella concessione demaniale e tentare il rilancio dell’edificio. In questi ultimi anni, pur essendosi alternate due Giunte Comunali, è rimasto sempre vivo l’interesse per questo progetto grazie all’opera della Soprintendenza Archeologica per l’Abruzzo che, tra il 2019 e il 2020, come documentato nel portale di OpenCoesione, ha speso il 3% del finanziamento ricevuto. Di questa spesa realizzata, siamo riusciti a trovare due Determine (la n.17 e n.18 del 2020) con cui la Soprintendente Dott.ssa Rosaria Mencarelli, al fine di perseguire l’intervento di recupero e restauro del Circolo e dopo aver ritenuto le offerte congrue, ha affidato i progetti di collaudo statico e di pratica antincendio, rispettivamente all’Ingegnere Visconti Marco, per un importo di € 9.594,69 e alla Ditta STING INGEGNERIA S.T.P. SRL per un importo di € 8.900,00. La Dott.ssa Mencarelli, da noi contattata, ci ha affidati al Dott. Aldo Giorgio Pezzi per entrare nello specifico del progetto e raccogliere informazioni utili.

Ora se è vero che il Circolo Canottieri “La Pescara” è parte della storia identitaria della nostra città, è anche vero che è parte del suo presente e del suo futuro, infatti è tuttora attivo e ricco di iniziative.

Anche se il canottaggio resta, ancora, uno sport di nicchia siamo convinti che abbia delle grandi potenzialità soprattutto con le attuali emergenze sanitarie, perché è uno sport che si pratica all’aperto e favorisce un armonico sviluppo della persona e del carattere.

In una ricerca condotta nel 2021 dal “Sole 24 ore” sulla qualità della vita nei 107 capoluoghi di provincia, Pescara è al 3° posto nella classifica delle città italiane per migliore clima e al 25° posto per ore di soleggiamento, ma ci sono dati in merito all’indice di sportività che ci pongono, purtroppo, al 63° posto (infografica n.1). Avendo un buon clima, i cittadini dovrebbero crescere nella pratica sportiva ed approfittare di questa condizione climatica favorevole e il recupero del Circolo, quale rinnovato luogo di attrazione sportiva, non potrebbe che favorire il coinvolgimento di quanti più cittadini possibili.

Anche l’ISTAT ha svolto un’indagine per comprendere quante persone abbiano praticato attività sportiva nel 2020 e, nella ricerca, si evidenzia come in Abruzzo il 25,9 % delle persone ha praticato sport in modo continuativo; il 7,8% in modo saltuario, il 29,6% solo in qualche attività fisica, mentre il 36,6% non ha praticato né sport né attività fisica (infografica n.1).

Ciò fa capire quanto sia cresciuta la necessità di tornare a praticare sport e di stare all’aria aperta. Urge recuperare il Circolo Canottieri e metterlo nelle condizioni migliori per essere frequentato da tutti restando così dentro la grande tradizione sportiva di canottaggio italiana.

In Italia sono 202 le società di canottaggio e in Abruzzo una si trova a Pescara, appunto il Circolo Canottieri e l’altra a Giulianova, in provincia di Teramo (infografica n.2).

Abbiamo l’impressione che la nostra ricerca sia solo agli inizi e che ora sia necessario scendere sul territorio per “esplorarlo” di persona: incontreremo la Soprintendenza Archeologica dell’Abruzzo, per capire come mai i soldi stanziati non siano ancora stati spesi; il presidente del Circolo il Dott. Umberto Di Bonaventura per raccogliere il suo punto di vista e l’assessore alla cultura, la Dott.ssa Mariarita Paoni Saccone, per chiedere notizie sulla realizzazione dell’Area Archeologica Urbana che, in futuro,  dovrebbe nascere adiacente al Circolo ed inglobarlo al suo interno.