Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

Tra archeologia, bellezza e cultura greca: aumentano i visitatori della Valle dei Templi!

Il progetto che il nostro team ha deciso di prendere in analisi, attuato dal Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento, riguarda la “Musealizzazione di reperti archeologici e la realizzazione di un laboratorio didattico”. I dati che prenderemo in esame provengono da un’attenta ricerca sul sito ufficiale del Parco e dalle informazioni forniteci in un’intervista gentilmente concessaci dalla Dott.ssa Valentina Caminneci, archeologa del Parco responsabile dei Servizi Educativi.

Dall’analisi dei dati, emerge che il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento è stato il primo sito archeologico italiano a dotarsi di un rapporto di sostenibilità sociale e culturale. Per mezzo di centinaia di interviste ai visitatori è stato possibile, inoltre, stimare, da parte del visitatore medio, un indice di gradimento molto elevato: l’86% di essi dichiara, infatti, di essere talmente soddisfatto dell’esperienza di fruizione da voler ritornare per ulteriori visite. Ciò è sicuramente confermato dal fatto che il Parco ha registrato entrate che superano i 5 milioni e mezzo di euro, di cui 4 milioni e 600 mila euro solo dalla vendita dei biglietti; inoltre, nonostante si sia registrata una decrescita del turismo sul territorio di Agrigento (1.292.586 presenze turistiche nel 2015 che diventano 1.036.316 nel 2017), i visitatori del Parco della Valle dei Templi nel 2017 sono 857.333 (+31,6 % rispetto al 2016 che aveva già registrato un +15% rispetto al 2015). Sono stati potenziati, infatti, i canali di informazione e relazione, e proposte ben 454 giornate di eventi al pubblico. Il parco ha poi coinvolto 2700 studenti in attività didattiche, partecipato a fiere internazionali e si è dotato di materiali di comunicazione (flyer, dépliant, una newsletter), sistematizzando, inoltre, i rapporti con la stampa specializzata e non.

Quattro sono essenzialmente gli obiettivi del Parco Archeologico della Valle dei Templi:

  1. Potenziare sia punti di accesso che i percorsi di visita.
  2. Consentire una migliore fruizione delle aree del Parco interessate dai rinvenimenti più recenti, come il teatro e il quartiere ellenistico-romano.
  3. Trasformare il Parco in uno strumento di valorizzazione dell’intero patrimonio culturale del territorio.
  4. Potenziare le possibilità di fruizione e il coinvolgimento per il visitatore attraverso le nuove tecnologie.

Per quanto riguarda il progetto di “Musealizzazione dei reperti archeologici e realizzazione di un laboratorio didattico” per un importo complessivo di 1.800.000,00 euro, sono stati spesi, in totale 1.692.862,28 euro, di cui 1.060.043,41€ dedicati all’importo dei lavori al netto del ribasso, alla manodopera e agli oneri per la sicurezza. I restanti 632.818,87€ sono stati così impiegati: 3.45%: per le spese tecniche, il 7,40% per gli imprevisti e il 3,16% e per le spese di pubblicazione bando e A.V. Il 37,77% del denaro restante è stato poi speso per l’allestimento museale e dell’aula multimediale e, infine, il rimanente 10.27% è stato impiegato per la progettazione, redazione e stampa di materiale divulgativo, per la pubblicazione scientifica e per la ricerca archeologica.

In conclusione, possiamo affermare che l’analisi dei dati ottenuti evidenzia, chiaramente, un significativo incremento dei visitatori del Parco archeologico della Valle dei templi relativamente al 2017 grazie al miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta, confermando dunque il raggiungimento dello specifico obiettivo che il progetto da noi preso in analisi si era prefissato. Tale traguardo non deve essere inteso, però, come il raggiungimento di una meta ma come stimolo per continuare a sviluppare nuove strategie, in modo tale da consentire un ulteriore miglioramento della fruizione del patrimonio storico-culturale della Valle dei templi di Agrigento.