Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
Adesso tocca a noi!
Pitch 1: 

Il nostro progetto, identificato con il CUP: D89D14001400006 “Potenziamento della raccolta differenziata” si occupa della gestione dei rifiuti domestici e industriali nel comune di Santeramo in Colle.

Dalla raccolta dei dati primari (interviste e questionario) e dei dati secondari, reperiti sul web, il progetto ha finanziato l’acquisto di 3 mini autocompattatori.

Il progetto ha come obiettivo operativo quello di ridurre la quantità e la pericolosità dei rifiuti attraverso l’incentivazione del riutilizzo e del riciclo.

La nostra scelta nasce dai continui rimproveri dei collaboratori scolastici che evidenziavano che non eravamo “troppo bravi a fare la differenziata in classe”. Pertanto il nostro obiettivo di ricerca è stato quello di migliorarci e di migliorare i comportamenti della nostra comunità scolastica in primis e delle rispettive famiglie che fanno parte della comunità.

Pitch 2: 

" WORK IN PROGRESS"! Dall’estratto di gara risulta come oggetto dell’appalto la fornitura di 3 automezzi allestiti per il potenziamento della raccolta differenziata. Dal 2018 al 2020 la raccolta subisce un incremento passando dal 15% al 78%(Fonte:ISPRA). Questo ci ha indotto a pensare che il progetto avesse avuto un impatto decisamente positivo su questi dati. Ma la causa di una tale impennata è da rinvenirsi nell’avvio della raccolta “porta a porta”, con conseguente diminuzione delle tariffe Tari. Un risultato inaspettato la voglia di noi teenagers di partecipare attivamente alla cura e alla pulizia del verde pubblico, da qui “LA RACCOLTA DIFFERENZIATA CONTINUA A CRESCERE. LA NOSTRA INDAGINE PUNTA ALL'AMBIENTE” e “NON SI BUTTA VIA NIENTE”.

“DIALOGANDO CON L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE” ha riferito che gli automezzi sono stati affidati in usufrutto a titolo oneroso alla TeknoService srl percependo un canone annuo di € 11.000 cioè lo 0,30% dei costi totali di gestione dei rifiuti.

Per avere una riduzione della Tari è necessario non solo raggiungere elevate percentuali ma che la raccolta sia di qualità, eliminando le frazioni d’impurità che rappresentano una penalità, con aggravio dei costi di gestione dei rifiuti, pertanto “DIFFERENZIARE MEGLIO È UN NOSTRO DOVERE”

Pitch 3: 

Il progetto si è già concluso e non è stato efficace. Gli automezzi sono stati concessi in comodato a titolo oneroso all’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti, pertanto il progetto non necessita di ulteriore monitoraggio. Ci potrebbero essere solo dei costi di manutenzione degli automezzi che dovrebbero essere completamente ammortizzati. Dall’analisi ed interpretazione dei dati primari raccolti attraverso il questionario che abbiamo somministrato nella nostra scuola è emerso che la maggior parte degli intervistati gradirebbe una maggiore sensibilizzazione da attuarsi attraverso delle giornate dedicate all’ambiente. Un’altra proposta che ci è piaciuta, e facciamo nostra, è quella del vicesindaco, nonché assessore all’ambiente, di creare un impianto di comunità per i rifiuti organici, in maniera tale da sfruttare in loco il compostaggio, eliminando i costi dello smaltimento dei rifiuti organici e trasformando così un costo in ricavo.

Immagine ASOC Wall: