Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Raccontare la ricerca di dati e informazioni

....mo ce semo!

La Riqualificazione del mercato coperto a Perugia è il progetto ASOC perso in esame dal nostro team, tale intervento è stato reso possibile grazie ai finanziamenti erogati dalla Regione Umbria e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.
I documenti datano il primo progetto del Mercato Coperto al 1892, ma solo negli anni Trenta verrà posta la prima pietra. Il  progetto dell’Ingegnere capo del Comune di Perugia Giuseppe Grossi, Podestà Giovanni Buitoni, con l’obiettivo di liberare la medievale Piazza del Sopramuro (oggi Piazza Matteotti) dalla funzione mercatale per la quale era stata originariamente realizzata e così utilizzata e vissuta nei sette secoli precedenti. Questa struttura, raro esempio di edificio che prevede l’ingresso dal tetto, il Mercato è stato luogo di vivacità sociale e culturale per molti anni.
L’intervento riguarda la rifunzionalizzazione dell’edificio Mercato Coperto nella moderna declinazione di “Hub agroalimentare”. In data 11.5.2016 si è provveduto a stipulare il contratto d'appalto con l'aggiudicatario RTI "De Biase Costruzioni S.r.l. - C.L.C. & C. S.r.l.". Il successivo 16.5.2016 sono stati consegnati i relativi lavori. Nel loro corso si è reso necessario approvare 2 perizie di variante, a seguito delle quali l’obiettivo è di concluderli non oltre il primo semestre del 2019. Sulla struttura, sono state recentemente investite importanti risorse: 4,8 milioni da parte della Regione e 1,3 da parte della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia; soldi che sono serviti per una serie di lavori di rifunzionalizzazione e messa in sicurezza e che, partiti a metà 2016 . Al gestore spetteranno finiture e impianti. Un progetto innovativo che guarda ad un modello ibrido a metà strada tra spesa e ristorazione, così come già in molte città europee.
Il documento individua tutti gli elementi che andranno a comporre il futuro Mercato Coperto, con i servizi e le funzioni che dovranno essere garantiti dal soggetto gestore; disciplina inoltre le modalità di assegnazione del bene, e relativi risvolti patrimoniali, che saranno poi  inseriti nel vero e proprio bando di gara finalizzato all’assegnazione del bene al futuro soggetto gestore.
Il progetto del Comune di Perugia per la riqualificazione del Mercato Coperto è la creazione di un hub agroalimentare, che funga da vera e propria piazza di marketing territoriale e che sappia infine accogliere e lanciare nuove idee di impresa nei campi dell’agrifood e della ristorazione.
Ristorazione e commercio al centro del progetto, sicuramente, per dare alla città un luogo di incontro, dove consumare e acquistare tutte le eccellenze enogastronomiche.
SARA PREMIATA LA FILIERA CORTA?
A cominciare dal mondo della filiera corta, dei consorzi di tutela e dei piccoli artigiani del gusto che dovranno necessariamente trovare uno spazio all’interno del Mercato.
Piazza di marketing territoriale vuol dire anche eventi, intrattenimento, divulgazione e formazione.
Verrà chiesto al soggetto gestore di organizzare un numero minimo di eventi, gratuiti e aperti a tutta la cittadinanza, con un giusto mix di intrattenimento, divulgazione e approfondimento culturale?
Ancora: saranno presenti percorsi esperienziali ed emozionali sui temi identitari della città e del suo territorio?.
Tutto questo senza mai dimenticare l’identità unica che il Mercato Coperto dovrà avere, con una presenza digitale costante che permetta, mediante un e-commerce, di offrire nuovi sbocchi di mercato a tutto il mondo della produzione artigianale del territorio, e che contribuisca ad una promozione costante del Mercato Coperto e della città di Perugia.
All’interno del Mercato Coperto, poi, sarà presente un coworking destinato ad accogliere, incubare e accelerare start up e idee di impresa nate intorno ai temi del food, della ristorazione e dell’agrifood, a conferma della vocazione, nata con la Perugia ultradigitale, della città di riattivare le economie del territorio e di attirare e coltivare talenti..”