Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
Tessere Sogni, Tessere Storie...
Pitch 1: 

Il progetto sul “Museo degli Arazzi” è finanziato con risorse del Po Fesr Sicilia 2014-2020 e rientra tra le linee di intervento del “Patto per il Sud”. Il costo ammonta a € 3.000.000.00. Sebbene dal portale Open Coesione il progetto non risulti ancora avviato, abbiamo appreso, soprattutto grazie alle interviste effettuate, che parte dei fondi è stata impiegata per la complessa opera di restauro della collezione e per i lavori di ristrutturazione della Chiesa del Collegio, sede del futuro Museo. La nostra ricerca si prefigge un duplice obiettivo: monitorare lo stato d’avanzamento del progetto, al fine di garantire un’opportuna collocazione alla splendida collezione di arazzi e, conseguentemente, conferire nuova linfa alla rinascita economico-culturale della nostra terra. 
 

https://padlet.com/TessitoridiSogni/uc7vsrfi641jdpn8

Pitch 2: 

In assenza di informazioni reperibili dal sito di Open Coesione e dai canali ufficiali, ci siamo adoperati per trovare soluzioni alternative per il reperimento dei dati: in primis, abbiamo elaborato e somministrato un sondaggio alla comunità marsalese con lo scopo di vagliare la conoscenza del museo e del relativo finanziamento e l’impatto del progetto sulla cittadinanza. Tra i punti cruciali della nostra ricerca sono, inoltre, da annoverare l’intervista all’Arciprete don Marco Renda e all’Arch. Carla Giustolisi, che ci hanno  raccontato la storia del vecchio museo e i motivi che ne hanno decretato la chiusura, e gli incontri interlocutori, le interviste all’Arch. Luigi Biondo, redattore del progetto, che, ben due volte, ci ha accompagnato presso il cantiere, documentandone i lavori.

Pitch 3: 

L’obiettivo della nostra ricerca è quello di far assurgere il patrimonio culturale ad attrattore turistico. Siamo convinti che questo possa realizzarsi, a patto che si impari a “fare rete”, “fare sistema” sul territorio: mettere in relazione il museo con le diverse risorse della città, potrebbe diventare un’ulteriore opportunità di valorizzazione territoriale. Desideriamo, inoltre, che il nascente Museo degli Arazzi rivoluzioni l’idea stessa di “museo”: non più un luogo asettico, improntato alla retorica del bello senza conseguenze, ma una dimora dell’arte che dialoghi con i suoi fruitori, capace di offrire al visitatore un’esperienza personalizzata. Ci adopereremo, dunque, per la promozione del sito, attraverso un’adeguata campagna pubblicitaria e mediante l’organizzazione di eventi.

Immagine ASOC Wall: