Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

Pattinodromo, la storia infinita di un'opera imprescindibile per la città

Negli ultimi giorni, secondo i dati raccolti dal team, il comune di Trapani ha dato ufficialmente il via ai lavori per poter riqualificare il pattinodromo della città, centro sportivo molto importante ed apprezzato da tutti i cittadini.

A causa di una serie di intoppi burocratici, la perdita del finanziamento per la ristrutturazione ammontante a circa un milione e mezzo di euro avvenuta intorno al 2015, ha impedito alla ditta responsabile della gestione del pattinodromo di avviare la riqualificazione e normalizzazione del centro sportivo. Una violenta diatriba tra l’ex sindaco della città di Trapani ed il sindaco dell’epoca tenne banco a lungo. Infatti, l'ex-sindaco Mimmo Fazio (primo cittadino dal 2001 al 2012) accusò Vito Damiano (sindaco dal 2012 al 2017) di aver causato la perdita il finanziamento necessario a causa di negligenze a lui imputabili, che Damiano negò perentoriamente, rimandando al mittente ogni accusa.

Tuttavia, dopo 5 infiniti lunghi anni dove al pattino dromo non sono stati effettuati lavori di manutenzione o ristrutturazione, si è arrivati ad una conclusione positiva. Infatti, l’amministrazione cittadina attuale è riuscita a recuperare i fondi utili per avviare i lavori per la ristrutturazione. Particolarmente importanti sono state le azioni poste in essere dagli assessori Abbruscato e Romano, i quali si sono impegnati a fondo per recuperare il tempo perduto. Il capo progetto è l’architetto Rosalia Quatrosi, dirigente del comune di Trapani.

Grazie alle nostre ricerche, abbiamo scoperto che i pagamenti effettuati sono aumentati rispetto ai dati raccolti in precedenza (2018), quando i versamenti forniti erano di circa EUR 1.160,00, una cifra misera se messa in confronto con il costo pubblico totale da pagare entro la data prevista del 22/06/2020.

Recentemente, però, il comune ha stanziato ben un milione e 404 mila euro per il recupero del pattinodromo di Trapani, che rischiava di rimanere abbandonato in condizioni pietose e sempre più decadente.

Situazione economica del pattinodromo

 

I grafici riportati in alto (realizzati dal gruppo dei designer attraverso le ricerche ottenute dal gruppo storytelling) descrivono la situazione del pattinodromo attuale in confronto agli anni precedenti.

In base ai dati registrati nel primo grafico, possiamo notare che il 38.1% del costo pubblico è stato pagato con successo. Rimane comunque una grande somma da pagare, che ammonta a circa EUR 800.000 (61.9%), ma questo è un grande passo avanti per la normalizzazione del pattinodromo del comune, considerando pure la perdita dei finanziamenti avvenuta nel 2015.

Notiamo pure l’aumento del costo pubblico: dall’inizio del progetto fino al 2019, il costo rimaneva fisso a circa EUR 1.202.800, mentre quest’anno la somma del costo pubblico ammonta a circa EUR 1.400.000, quindi è presente un piccolo aumento.  

In generale, secondo le aspettative pubbliche, la condizione del pattinodromo è cambiata in meglio? O in peggio? E inoltre, cosa ne pensano i cittadini del comune di Trapani?

Secondo i dati e le interviste raccolte, non solo da noi ma anche dai diversi giornali trapanesi e siciliani, molto alto risulta essere lo scetticismo. Il risultato ottenuto dalle nostre interviste, in generale,  è stato davvero inaspettato: infatti, la maggior parte delle persone coinvolte ha dichiarato di non essere a conoscenza dell’esistenza di un pattino dromo in città. Tra coloro i quali erano invece a conoscenza, prevale un generale clima attendista poiché i lavori, essendo stati rinviati più volte, vengono ritenuti ancora molto lontani.

In generale, considerando i diversi ostacoli, si credeva che il pattinodromo non potesse mai raggiungere una totale normalizzazione e restaurazione a norma di legge, dati anche i miseri versamenti del comune (EUR 1.160 versati dal 2015 al 2019). Tuttavia, a quanto pare da quanto si apprende dalle ultime notizie, è presente una piccola speranza che ciò possa accadere davvero.

In città, diversi sono i centri sportivi lasciati in stato di abbandono. Questa indifferenza generale riguarda non solo quest’ultimi ma anche monumenti molto importanti chiusi da anni.  Fattispecie notate e segnalateci dalla cittadinanza, con la quale intendiamo rimanere a stretto contatto.

In definitiva, grazie all’interesse della collettività, si è raggiunta questa piccola vittoria  ed i lavori di ristrutturazione del pattino dromo stanno per vedere la luce, anche grazie alla nostra influenza come gruppo Let’s Skate, sui social (attraverso i nostri post e sondaggi) e sulle strade (intervistando i cittadini e fotografando ogni dettaglio delle nostre ricerche).

Grazie a ciò, oggi prevale l’ottimismo relativamente alla possibilità che in tempi ragionevolmente brevi il pattinodromo possa normalizzarsi, venendo riqualificato dopo tanti anni. Finalmente il centro sportivo potrà tornare ad essere agibile per tutti, proprio come il motto della nostra squadra Let’s Skate vuole ricordare, “We Want To Skate Free”, noi tutti siamo liberi di pattinare.