Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

I NUMERI DEL DISAGIO

“Disposta l’aggiudicazione definitiva, si procederà con la consegna dei lavori sotto riserve di legge che si presume possa avvenire entro il mese di gennaio 2020 (…) pertanto è realistico presumere che i lavori potranno concludersi entro il mese di maggio”. È la dichiarazione rilasciata dal R.U.P. durante l’intervista pubblicata su Pantelleria Internet News il 31/12/2019. Secondo l’assessore comunale Parisi, i lavori dovrebbero cominciare tra 15-20 giorni.

Nell’attesa vibrante che queste asserzioni diventino realtà, il team ASOC Falling Rocks ha realizzato uno studio analitico di dati al fine di stimare in termini quantitativi il disagio sopportato, “nelle more del progetto”, dai residenti della contrada di Bugeber a causa della deviazione stradale dovuta all’ordinanza che ha interrotto il transito sulla strada interessata dalla frana.

Il modello di analisi si basa sulla costruzione di ipotesi che, partendo da dati oggettivi riscontrabili, intende mostrare gli incrementi relativi al numero di chilometri percorsi, al consumo medio del carburante, al costo medio sostenuto e al tempo impiegato, sia su base giornaliera che su base annua, mettendo a confronto i dati di percorrenza della strada principale con quelli del sentiero alternativo (via Khafàro) lungo la tratta bivio Lago di Venere-parcheggio Lago e bivio Lago-contrada Bugeber (v. foto satellitare. Fonte: Googlemaps). Come si evince dal grafico n. 1, sono stati dapprima raccolti i dati relativi ai due percorsi mettendo a confronto la distanza misurata in chilometri e il tempo in minuti. Calcolando le differenze, risulta che la strada alternativa che collega il bivio Lago col suo parcheggio è più lunga di 4,35 km pari ad un aumento del 457,89%, con un incremento del tempo di percorrenza di 10 minuti pari al 333,33%. Mentre, per la tratta bivio Lago-contrada Bugeber, risulta un incremento di 0,7 km, con un maggior tempo di 2 minuti, pari ad un aumento, rispettivamente del 25% e del 28,57%.

Sulla base di questi dati, sono state fatte le seguenti ipotesi: 1) impiego di una FIAT Panda (auto più usata nell’Isola) il cui consumo medio di benzina è pari a 18,5 km/l, diesel 27,8 km/l (fonte: www.automobile.it); 2) prezzo medio annuo 2019 della benzina 1,960 €/l, diesel 1,880 €/l (fonte: gestore Agip); 3) tragitto una volta al giorno andata e ritorno. Sviluppando i calcoli con riferimento ai soli dati incrementali ne risultano i numeri messi in evidenza nel grafico n. 2 e 3. Procediamo con ordine, analizzando i dati del percorso bivio Lago-parcheggio Lago attraverso la strada alternativa. Percorrerla una volta al giorno a/r significa fare in più 8,7 km pari a 3.175,5 km all’anno, una distanza paragonabile ad un viaggio in automobile di sola andata Roma-Mosca oppure Roma-Parigi andata e ritorno. Dividendo 3.175,5 per 18,5 e per 27,8 risulta un maggior consumo di benzina di 171,65 l. e di 114,22 l. nel caso di auto diesel, per cui il consumo medio annuo è pari a 142,94 l. di carburante, ossia 0,39 l. al giorno. Moltiplicando 171,65 per 1,960 € e 114,22 per 1,880 € ne deriva un aumento dei costi annui, rispettivamente, pari a 336,43 € o 214,73 €, con una media di 275,58 € pari a 0,76 € al giorno. Riguardo al tempo di percorrenza, un incremento di 20 minuti al giorno a/r, moltiplicando per 365, significa stimare un aumento di 7.300 minuti annui pari a 121,67 ore, ossia 5,07 giorni. In pratica, è come dire che, in un anno, andare e tornare da Bugeber, partendo dalla deviazione obbligatoria (bivio Lago) una volta al giorno, passando per la strada alternativa e fino al luogo pubblico più significativo (parcheggio Lago), si perdono circa 5 giorni della propria vita.

Alla stessa maniera, sono stati analizzati i dati del tragitto bivio Lago-contrada Bugeber. È stata scelta la chiesetta di Santa Chiara come punto centrale di riferimento. Ne risulta che, si percorrono 1,4 km in più al giorno ogni andata e ritorno. In un anno sono 511 km, una distanza pari a Roma-Genova. Dividendo per 18,5 e per 27,8 si ottiene l’aumento del consumo di benzina pari a 27,62 l. e a 18,38 l. di diesel. Moltiplicando poi per il prezzo medio dei carburanti, risulta un aumento di spesa pari a 54,14 € nel caso di auto a benzina e a 34,56 € per il diesel, con un costo medio annuo di 44,35 €, ossia 0,12 € giornalieri. Calcolando il maggior tempo di percorrenza, ne risulta un aumento di 4 minuti al giorno per ogni tragitto a/r, ossia 1.460 minuti annui, pari a 24,33 ore, circa 1 giorno in più.

Pertanto, per comprendere il disagio sopportato dai cittadini in un anno, a causa del ritardo relativo ai lavori di consolidamento del costone roccioso sovrastante la strada del Lago di Venere, basta moltiplicare i summenzionati dati per il numero di volte al giorno che ciascuno percorre la strada in questione, per entrambi i tragitti. Si tratta di numeri che si commentano da soli, sui quali il team Falling Rocks intende aprire un confronto con l’amministrazione comunale e un dibattito con tutta la cittadinanza.