Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

#FiumInAzione

Siamo la classe IV As dell'istituto De Luca di Avellino e abbiamo accolto con entusiasmo l'idea di partecipare al bando ''A scuola di Open Coesione'' per monitorare il Progetto ''Lavori di sistemazione idraulica e ambientale del torrente Fenestrelle''. Abbiamo scelto questo progetto perchè vogliamo richiamare l'attenzione sul fiume Fenestrelle, che nel passato è stato un punto di riferimento e di ritrovo per i cittadini di Avellino. Nel corso degli anni il fiume ha iniziato a perdere la sua limpidezza ed ad essere pericoloso per le continue esondazioni.

Le cause principali di tale fenomeno sono:

  • L'espansione edilizia 
  • Il forte inquinamento 
  • La scarsa attenzione da parte dei cittadini.

Il nostro obiettivo è quello di sollecitare interesse verso l'ecosostenibilità, la sensibilizzazione e il rispetto per la natura da parte dei cittadini. Monitorare questo progetto ci sta consentendo di sviluppare e potenziare il senso di cittadinanza attiva e di richiamare l'attenzione, principalmente dei giovani, sulla necessità di migliorare l'ambiente in cui viviamo e riportare alla luce una risorsa naturale del nostro territorio poco valorizzata a causa dell'inquinamento.

Il progetto che stiamo monitorando è stato finanziato dai Fondi Strutturali relativi alla programmazione 2007-2013 P.O.R. FESR 2007-2013-Obiettivo operativo 1.5 D.G.R.C. n.1265 del 24/07/2008(POR CONV FESR CAMPANIA). I fondi a disposizione di questo lavoro sono €8.266.937,13 di cui il 75% finanziato dall'Unione Europea, il 14% dal fondo di rotazione(Cofinaziamento nazionale) e infine l'11% dalla Regione. Fino ad ora sono stati spesi €7.550.443,72 con il progetto appaltato con contratto n.5242 del 17/07/2013; tra questi fondi spesi, €6.457.384,67 sono stati usati per i lavori eseguiti fino al 31/10/2019 , suddivisi tra €5.302.367,49 conformi al progetto appaltato e  €1.115.017,18  spesi in variante rispetto al progetto. Il Fenestrelle ha avuto ulteriori finanziamenti ,solo nei tratti che interessano il comune di Avellino, dai fondi strutturali relativi alla programmazione 2014-2020,sempre grazie al bando POR FESR CAMPANIA,ovvero, €3.817.238,10 di cui ben il 75%, cioè €2.862.929, finanziati dall'Unione Europea e il restante 25%,di €954.310 dal fondo di rotazione.Questi lavori sono iniziati effettivamente il 18/11/2013 e i tratti che interessano questi lavori equivalgono a 16.000mq ,con una spesa,secondo il portale web di opencoesione, di soli € 937.616,25 tra il 2016-2017 equivalenti al 24% dei fondi totali. Il Fenestrelle non è l'unico torrente del comune di Avellino finanziato dalla programmazione del 2007-2013 P.O.R. FESR 2007-2013, infatti notiamo anche la presenza di un altro torrente di dimensioni minori ovvero il S.Francesco ; il suo costo pubblico è di € 2.976.971,58 di cui sempre il 75% , ossia, €1.747.103 sono fondi finanziati direttamente dall'Unione Europea,il 14% dal fondo di rotazione (Cofinanziamento nazionale) ed equivalgono a €322.911 ed infine l'11% dalla regione, cioè i restanti 259.456. I lavori per il S.Francesco sono iniziati il 19/06/06 e i pagamenti effettuati finora equivalgono al 73% del costo pubblico cioè a € 2.329.470,00. Non si conosce l'avanzamento del progetto ma possiamo notare che l'ultima spesa effettuata risale al 2012. 

Ricercando sul sito di opencoesione, oltre ai dati già analizzati abbiamo potuto constatare i molteplici interventi di sistemazione idraulica effettuati nel territorio avellinese , un territorio che è esposto a gravi rischi idrogeologici. Abbiamo notato il continuo e costante impegno fornito al territorio dall'Unione Europea e in subordine dalla regione Campania e dallo stato italiano, che hanno progettato e finanziato con vari fondi diversi interventi di sistemazione e di sostegno per la salvaguardia dell'ecosistema. Ovviamente questi lavori devono essere accompagnati da un cambiamento radicale dei comportamenti di noi cittadini nei confronti dell'ambiente in cui viviamo. Ciascuno di noi,in quanto membro di una comunità civile, deve essere consapevole che anche un piccolo gesto di disattenzione nei riguardi del territorio circostante può comportare danni significativi al benessere stesso della collettività, promosso, al contrario, da un senso di responsabilità e di armonia con le risorse ambientali.