Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

Integragiovani a Capua

Indagando sull'attuale situazione capuana, per quanto riguarda l'indice comunale di vulnerabilità sociale (che a Capua è 100.6 nel 2011) esso è poco sopra la media italiana (99.3 nel 2011) secondo l'ISTAT.Il comune di Capua si è attivato per dare la possibilità a persone meno abbienti di trovare un'occupazione e reintegrarsi nella società.
L'obiettivo principale del progetto è quello di promuovere spazi multifunzione di condivisione permanente e di partecipazione attiva giovanile affinchè vi sia una crescita sociale ed economica per dare valore agli individui.
Il costo pubblico del progetto è di €80.000, di cui €60.000 provenienti dall'Unione Europea, mentre dal fondo di rotazione è di €20.000.
I pagamenti finora effettuati sono di €19.738,78 ovvero solo il 24% del costo totale.
Si sono confrontati i dati di tale progetto con quelli di altri progetti con lo stesso fine, per verificare il tipo di sovvenzione effettuata.
Sono stati analizzati i seguente progetti:
Buon Cammino: è un progetto che ha previsto la partecipazione di 1981 maschi e 1019 femmine e dal costo pubblico di €2.964.674,00 e non è stato effettuato alcun pagamento
Formatore specializzato nella didattica delle lingue straniere:  per il seguente progetto è stato rilevato un costo di €47.318,60, mentre i pagamenti effettuati sono pari a €83.287,00, dei quali €73.659 provengono dall'Unione Europea, €51.562 dal fondo di rotazione  e €22.098 dalla Regione. 
I partecipanti al progetto sono stati in totale 12, di cui 11 femmine e un maschio.
Le credenziali minime richieste per poter partecipare al progetto sono state: diploma di scuola superiore o istruzione post-secondaria.
Dall'analisi dei dati comparati, si evince che:
per quanto riguarda il progetto ''Buon cammino'', i fondi previsti dall'Unione Europea sono stati maggiori rispetto agli altri due progetti presi in esame, ma cio è dovuto al fatto che il numero dei partecipanti presunti è nettamente superiore. Ad oggi il progetto è ancora in corso, come testimonia il sito di Opencoesione, su cui la data di inizio risulta quella del 10/07/2019 ma la data effettiva di inizio è del 01/07/2019, con circa 9 giorni di anticipo. Si può ipotizzare che la decisone di prevedere una maggiore erogazione di denaro, da parte dell'Unione Europea, sia ricollegabile al fatto che il progetto riguarda una delle zone a più alta densità di disoccupazione della Sicilia, ovvero la provincia di Catania.
Passando al progetto ''Formatore specializzato nella didattica delle lingue straniere'' si nota che, nonostante l'utenza registrata sia esigua, solo 12 partecipanti, di cui uno solo di genere maschile, ha ricevuto più contributi dall'Unione Europea rispetto al progetto ''Giovani in cammino'' che, in proporzione, è rivolto ad un numero di partecipanti lievemente maggiore.
Inoltre i fondi erogati sono stati previsti, soprattutto, per la formazione di persone di genere femminile per lo sviluppo delle competenze nella didattica delle lingue straniere, in un' area come quella dell'entroterra umbro (Todi), in cui è forte la presenza di residenti stranieri richiamati dalla possibilità di trovare un impiego stabile e dignitoso.
Dal progetto ''Giovani in cammino'',concludendo, si evince che, dai dati presi in esame ed escluso il progetto ''Buon cammino'' della provincia di Catania che non è stato ancora sovvenzionato,  esso sia quello che ha ricevuto meno contributi effettivi (solo il 24% del totale), a fronte della quota iniziale di €80.000.
Tale iniziativa, però, è in corso da circa un anno e mezzo con inizio previsto ed effettivo rispettato del 18/06/2018 ma con un ritardo sulla sua conclusione, prevista per il 18/06/2019, ad un anno dall'inizio.
Salta all'occhio il fatto che, in una delle zone della Campania anch'essa come Todi e la provincia di Catania ad alto tasso di disoccupazione, si siano previsti fondi esigui rispetto al progetto umbro a fronte un di un numero considerevole di partecipanti effettivi.
Sorprende il fatto anche, che sia l'unico progetto non sovvenzionato dalla Regione, nonostante quest'ultima ne abbia pubblicato il bando.