Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
Nuovi Uffizi: come il vecchio diventa giovane
Immagine ASOC Wall: 
Pitch 1: 

Qual e' la destinazione dei finanziamenti per i progetti pubblici? Come vengono gestiti? Queli sono le tempistiche e come vengono rispettate? Queste domande vi sembrano troppo serie per essere poste da ragazzi di quarta del liceo? Ma abbiamo il nostro punto di vista. Vogliamo diventare cittadini consapevoli e attivi  e sviluppare il pensiero critico.

Il progetto Nuovi Uffizi riguarda i seguenti punti:

  • rinnovamenti e adeguamenti strutturali;
  • agevolazioni per accesso di disabili;
  • nuovo impianto elettrico a basso consumo energetico;
  • ristrutturazioni di varie ale del museo.

Se all'inizio delle analisi il progetto risultava non iniziato, in realtà i lavori sono cominciati nel 2006. Ma mancavano informazioni сhe illustrassero le varie fasi dei lavori pianificati e il loro avanzamento/completamento.

Il progetto e' stato inizialmente suddiviso in due parti chiamate "lotti", di cui soltanto il primo e' stato completato. Il secondo lotto a sua volta e' stato frammentato in quattro parti: "stralci". Proprio qui c'era un buco informativo, a causa del quale il progetto e' stato indicato come "non iniziato" sul sito di opencoesione. La problematica deriva dal quarto stralcio, che ancora non e' stato avvviato.

Pitch 2: 

A causa della mancanza di informazioni iniziali, sono state riscontrate diverse difficolta'. Ma siamo riuscite a superarle, grazie alla disponibilita' e all'aiuto degli architetti e funzionari delle Gallerie degli Uffizi. Durante le visite al museo, gli incontri con gli architetti Francesco Fortino, Chiara Laura Tettamanti, Antonio Russo e comunicazione a distanza con la dottoressa Alberica Barbolani Da Montauto e Soffici Anna sono state raccolte informazioni piu' specifiche riguardo lo svolgimento dei lavori e gli interventi portati a termine.

Sono stati rilevati anche alcuni problemi che hanno frenato la realizzazione del progetto. Nonostante i fondi stanziati dall’Unione Europea fossero pronti per essere utilizzati, l’Italia non ha versato interamente la somma dovuta ma ha suddiviso l'importo e gli Uffizi, non potendo disporre della cifra totale, hanno suddiviso i lavori in lotti e stralci. 

La nostra curiosita' ci ha portato ad avere una visione piu' omogenea e chiara del progetto. Durante formulazione di ipotesi, raccolta di informazioni, analisi e discussioni sono stati sviluppati punti chiave per poter avanzare suggerimenti di miglioramento per le Gallerie degli Uffizi.

 

Pitch 3: 

Ma cosa si puo' fare per unire il vecchio e il nuovo?

5 proposte:

  • visite interattive;
  • zona relax;
  • attivita' per ragazzi;
  • trasparenza;
  • guardaroba.

Le visite interattive online permettono di visitare ogni stanza in modo virtuale e originale: anche in un periodo così difficile, la curiosita' non si ferma mai! Anzi, oltre a poter avere una giornata diversa, l’idea puo' essere ripresa in futuro (in diretta tramite piattaforme di eventi online, personalizzate o di guppo) per una completa accessibilita', anche per chi sta piu' lontano.

Studenti, scolaresche... quante volte non li abbiamo visti agli Uffizi? Del resto, lo siamo stati tutti noi! E chi riesce a contenere tutta quella energia. Ma quando si tratta di un percorso cosi' impegnativo, desiderano potersi rilassare, anche solo per un minuto. Perche' non aggiungere spazi relax, con attivita' creative e alternative? Uno spazio tutto per loro, dove possano sprigionare la propria originalita'. Quello che proponiamo sono attivita' creative per tutte le fasce d'eta' in modo da lasciare un ricordo piu' profondo e caro della visita, anche nei piu' piccoli.

Dal punto di vista informativo sarebbe opportuno coinvolgere di piu' tutti i possibili canali di comunicazione: stampa, massmediasocialeventi per condividere successi e difficolta' durante la realizzazione del progetto. Bisognerebbe raccontare di piu', aumentando il livello di coinvolgimento e fiducia da parte del pubblico verso il progetto e i suoi risultati. 

Sarebbe inoltre piu' comodo, per tutti i visitatori, poter depositare nel guardaroba, non solo la borsa o lo zaino, ma anche il giubbotto

Dal confronto con addetti al rinnovamento, e' risultato che alcune delle proposte sono già in programma per il futuro o sono iniziate durante il periodo di lockdown, per esempio tour virtuali di alcune sale della Galleria. L'idea va sviluppata ulteriormente e pubblicizzata per poter trarne anche il beneficio economico.

Il lavoro sul progetto ASOC ci ha permesso di essere fiduciosi che il progetto verrà ripreso il prima possibile e le innovazioni permetteranno un nuovo modo di vedere l'arte: con altri occhi! Di capire fino in fondo, non dare giudizi prematuri e apprezzare cio' che ci circonda, che fa parte di noi.