Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
Pronti ...partenza e via in un viaggio ancora non concluso!
Immagine ASOC Wall: 
Pitch 1: 

La nostra scuola sempre attenta alle politiche di gestione del proprio territorio ha fornito alla nostra classe, anche quest'anno, l'opportunità di monitorare i fondi pubblici spesi nella ricerca e contenimento delle perdite occulte della rete idrica della provincia di Perugia. Un progetto che ha suscitato in noi molto interesse per la consapevolezza delle estreme conseguenze globali che i cambiamenti climatici in atto comporteranno sulle future generazioni e per l'incidenza che tali perdite possano avere sulla bolletta dell'acqua. I fondi,pari a 6.400.000 euro, rientrano nel Piano FSC Ambiente, programmato dal Ministero dell'Ambiente, nel ciclo 2014-2020, per il Servizio idrico integrato e assegnati ad AURI per la rete idrica gestita da Umbra Acque Spa, ente attuatore degli interventi.

Pitch 2: 

Da alcuni articoli di giornali locali notiamo che in Umbria il livello di dispersione idrica(52%) nel 2018 è insostenibile e la tariffa è tra le più alte a livello nazionale. Da qui, navigando in rete, tra le fonti ufficiali, notiamo che i pagamenti sono pari a 356.030, 5% sul totale. Il resto delle opere ha diminuito le perdite(48,39%), ma ha aumentato la tariffa, grazie al meccanismo premiale di ARERA per i gestori virtuosi che abbiano effettuato maggiori investimenti nella riduzione delle perdite, misurata dall' indicatore M1, pari a 12,20 mc a km al giorno, il 5% in meno del 2019,Come trovare le perdite? Attraverso un algoritmo predisposto dall'Università di Perugia con il quale vengono individuate le condotte che andavano riparate o sostituite, privilegiando quelle in cemento amianto.

Pitch 3: 

Le nostre ricerche ci hanno portato a fare delle riflessioni . Intanto, in questo contesto di emergenza sanitaria, la presenza di fondi statali ancora da incassare nel bilancio di previsione AURI 2020, ci rende scettici sui contributi futuri, perché dovrebbero essere indirizzati per risollevare l'economia del paese Italia. Inoltre, si propone di fare investimenti in nuove tecnologie come la scansione satellitare per la ricerca delle perdite e in nuovi materiali termoindurenti da applicare alle condotte ammalorate. Per il futuro intendiamo seguire il progetto mantenendo i contatti con il gestore idrico che ci è sembrato abbastanza disponibile a fornirci le informazioni, ad effettuare la visita di monitoraggio che non abbiamo potuto fare e a disseminare i risultati organizzando un evento.