Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
L' elettrico che rivela la strada dell'innovazione
Immagine ASOC Wall: 
Pitch 1: 

Il progetto ChangePoint riguarda la realizzazione di 300 colonnine per la ricarica di auto elettriche nelle città di Cagliari, Sassari e Olbia. L'Europa ha già stanziato la cifra di circa 7 milioni di euro, ma i lavori previsti per la realizzazione che sarebbero dovuti partire per il 15 dicembre 2018 risultano non ancora avviati. L’obiettivo della nostra ricerca è quello di promuovere lo sviluppo tecnologico eco-sostenibile in Sardegna ; pertanto, per raccogliere maggiori informazioni, abbiamo intervistato il geometra Franco Cherchi ( referente di progetto per il comune di Alghero ) il quale, però, ci ha riferito che il progetto proposto è stato rifiutato in quanto ritenuto "carente" . 

Pitch 2: 

Il traffico stradale è una delle principali fonti di inquinamento ed è molto importante sottolineare che nessuna auto sarà mai ecologica al 100%, ma essendo un'esigenza a volte imprescindibile, un’auto elettrica sarebbe la migliore alternativa. Il 72% delle emissioni di CO2 viene prodotto dal solo trasporto stradale. Ipotizzando che la nostra auto percorra 15 km con un litro di benzina e abbia una vita utile di 150.000 km, si stima che produrrà un'emissione totale di 5,2 tonnellate di CO2; dal punto di vista ambientale quindi l'elettrico vince sempre. Per supportare questa evoluzione, è necessario sviluppare un sistema di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici e così facilitarne la diffusione. Nel nuovo accordo di programma invece le colonnine pubbliche verranno poste nelle strade extraurbane, mentre nei comuni la realizzazione verrà affidata ad aziende private. 

Pitch 3: 

 

Il progetto Continua…
 

Come riportato nella videoconferenza delle classi Asoc, il nostro team continuerà a seguire il progetto come ha sempre fatto: i project manager analizzano il lavoro assegnatoci dal sito di opencoesione, lo organizzano e lo assegnano ai vari gruppi (scout; designer; blogger; coder; social manager; storyteller), i quali, nel momento in cui viene loro assegnato il lavoro, si riuniscono il prima possibile e, sfruttando i mezzi a loro disposizione, si impegnano a concludere il compito assegnatogli nel modo più veloce, ma al contempo più efficiente, così da poter eventualmente anche effettuare le dovute revisioni e consegnare il lavoro nei tempi stabiliti. 
Seppur la situazione attuale renda più complessa una vera e propria collaborazione tra i vari gruppi, ognuno di essi riesce comunque a mantenere i contatti e svolgere il lavoro assegnato entro i tempi stabiliti, come sempre è stato. 
Anche dopo la conclusione di questo percorso, continueremo a monitorare il progetto, con la speranza che quest’ultimo possa andare in porto e che il nuovo accordo di programma venga accettato.