Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
Find the drop, mind the drop, stop the drop
Immagine ASOC Wall: 
Pitch 1: 

Bojano è il paese dell’acqua! Dai monti del Matese sgorgano rigogliose sorgenti che alimentano gli acquedotti regionali e limitrofi, ma la nostra città non fa un buon uso della sua preziosa risorsa tanto che negli ultimi anni le perdite idriche hanno sfiorato l’80%. La Regione Molise con un piano di interventi da 31ml di euro, 600.000 dei quali destinati a Bojano per la riparazione della rete e l’installazione di un sistema di monitoraggio, ha cercato di porre rimedio al danno ambientale ed economico. Il diffuso ma silenzioso malcontento per la gestione deficitaria della risorsa idrica ha trovato voce nel Progetto ASOC: il Comune ha dovuto parlare con noi e la stampa locale ha amplificato la nostra voce trovando supporto e disponibilità nei singoli cittadini e negli altri Enti locali.

https://prezi.com/view/9pctlJR7MTRAgvHeBrs1/

Pitch 2: 

Arpa Molise e ASR Molise Acque hanno confermato le eccellenti qualità oligominerali dell’acqua sorgiva che “può essere preferita a quella imbottigliata”. Molise Acque, la Regione Molise e il Sindaco di Campodipietra ci hanno indicato una soluzione al problema: “Potenziare il sistema di monitoraggio” e, conseguentemente, “intervenire immediatamente sulle perdite”.  Ma non sarà che i costi generati dalle perdite impattano sul Comune meno di un programma di manutenzione attenta e repentina della rete idrica? Sono state sostituite alcune delle tratte ma del sistema di telecontrollo, in parte già installato prima del progetto, ancora non se ne fa uso. Ritardi nella realizzazione, varianti di progetto al ribasso, zonizzazione non ancora realizzata: oltre i soldi sembra manchi anche la volontà!

Pitch 3: 

Con il supporto di WWFMolise, per il WorldWaterDay avevamo programmato un convegno in cui lanciare la petizione popolare “Preserviamo il nostro oro blu”. L’isolamento dovuto al covid-19 ha impedito che ciò avvenisse fisicamente ma ha accentuato il desiderio di ottenere una gestione efficiente delle risorse idriche e la recente installazione del primo nuovo elemento del sistema di monitoraggio mostratoci dal RUP durante la visita all’acquedotto ne può rappresentare simbolicamente l’inizio. Appena l’emergenza sanitaria lo consentirà saremo pronti a scendere tra la nostra gente per la raccolta delle firme, grazie alle quali chiederemo ai futuri candidati sindaci di inserire la tutela della risorsa idrica tra i punti del programma elettorale in vista delle elezioni comunali previste in autunno.