Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
Inaspettati sviluppi per le Terme Magna Grecia...
Immagine ASOC Wall: 
Pitch 1: 

PITCH Parte 1: descrizione progetto scelto e motivazione

La scelta di monitorare il complesso termale "Magna Grecia" in località Ponte Coniglio a Cotronei è stata dettata dalla necessità di indagare i motivi per cui questo progetto non ha ancora visto la luce dal lontano 1987, quando fu presentato il primo progetto. Le indagini condotte hanno dimostrato che i problemi sono stati essenzialmente burocratici, con ricorsi e controricorsi tra le varie forze politiche che si sono avvicendate in questo lungo periodo. Obiettivo della ricerca è dimostrare che l’area è inserita in un contesto a forte vocazione turistica e che, pertanto, le terme potrebbero concorrere in modo determinante all’agognato sviluppo turistico della provincia di Crotone e avere anche una ricaduta su tutte le attività ad esso collaterali.

Pitch 2: 

PITCH Parte 2: descrizione fasi significative della ricerca

Il progetto terme doveva essere realizzato più di 30 anni fa, tuttavia sin dall’inizio l’iter amministrativo è stato travagliato. L’ultimo finanziamento risale al 2015, ma anche questo ha subito delle battute d’arresto. La questione più importante ha riguardato un problema legato al rischio di inondazione dell’area, oggi risolto. Attualmente, attraverso l’appalto in concessione (che prevede € 2.500.000,00 di partecipazione pubblica e € 1.500.000,00 di capitale privato), è stata individuata la ditta che realizzerà il primo modulo di intervento di un progetto più ampio che vuole trasformare la zona in un’area che agganci il turismo sanitario, grazie alle virtù terapeutiche di queste acque (confermate da analisi di laboratorio e ricerche scientifiche), con quello legato al divertimento.

Pitch 3: 

PITCH Parte 3: proposte e follow up

La visione del team è quella di una Spa trasparente che si occupi della salute e del benessere dei suoi utenti, ma anche attenta alla sostenibilità ambientale e ai bisogni delle generazioni presenti e future. Le terme funzioneranno solo se riusciranno ad aprirsi ad una visione sistemica con gli altri settori produttivi. È importante creare sinergie e superare l’idea di un turismo frammentato e di nicchia, se si vuole che le terme diventino una leva strategica per l’economia del territorio. L’intenzione è quella di non abbandonare il dialogo iniziato con le istituzioni, a cui è stata avanzata la proposta di un consorzio di operatori economici del territorio, ma anche creando eventi che diano risalto al progetto e monitorando i lavori che a breve inizieranno.