Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
DISSESTO IDROGEOLOGICO: IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DANNI DELLA BUROCRAZIA
Immagine ASOC Wall: 
Pitch 1: 

Il nostro team ha deciso di monitorare il progetto “Interventi di messa in sicurezza del territorio di Marina di Lesina” per mettere in risalto il problema del dissesto idrogeologico in una zona a noi tanto cara. Tale problema investe diverse aree del nostro Paese e i giovani non ne hanno adeguate conoscenze (ciò è emerso dall’esame dei risultati del questionario di conoscenza somministrato agli alunni del triennio del nostro Istituto). Anche se il problema del dissesto a Marina di Lesina nasce soprattutto a causa della particolarità del sito geologico, si è voluto mettere in evidenza quanto sia importante la prevenzione e quanto siano deleteri i ritardi dovuti alla burocrazia nella messa in sicurezza del territorio.

Pitch 2: 

Oltre alle informazioni contenute sul sito Opencoesione.it è stata fatta una meticolosa ricerca per ricostruire l’intricata vicenda amministrativa, analizzando atti, delibere e video su internet. Molto importanti sono state le interviste fatte ai referenti politici, giornalisti, soggetti attuatori e beneficiari dell’intervento da cui è emersa l’urgenza di iniziare i lavori di mitigazione del rischio idrogeologico a Marina di Lesina. Estremamente interessante è stata la visita di monitoraggio sull’area da cantierizzare durante la quale è stato possibile vedere da vicino i danni provocati dal dissesto e come questi siano derivati anche a causa di scelte sbagliate da parte della P.A.

Pitch 3: 

L’importanza della prevenzione per la mitigazione del rischio idrogeologico di quest’area così particolare appare scontata. La nostra richiesta, indirizzata in particolare all’Autorità di Bacino Regione Puglia, è quella di monitorare costantemente il territorio. A tale proposito proponiamo all’Ufficio Tecnico del Comune di Lesina l’elaborazione di un modello matematico che sia in grado di valutare nel tempo le variazioni della percentuale del fattore di rischio, programmando un monitoraggio della situazione geologica del sottosuolo, nonchè visiva e costante delle situazioni critiche come l’apertura di nuove cavità, al fne di salvaguardare la pubblica e privata incolumità. Si è pensato anche di continuare il monitoraggio del progetto il prossimo a.s. attivando un percorso P.C.T.O.