Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Raccontare la ricerca di dati e informazioni

Palermo-Trapani: La ''Tav Siciliana'' sogno o realtà?

Il nostro Team "Viacoltreno 2.0", in vista dell’edizione 2020-2021, ha deciso di mettersi in gioco portando avanti il monitoraggio civico di un’infrastruttura che, per quanto necessaria, ha subito un grave abbandono, come avviene in gran parte del territorio siciliano: la rete ferroviaria. L’inefficienza delle reti ferroviarie, che interessa largamente anche la provincia trapanese, ci ha spinti a interessarci al progetto di ripristino e ammodernamento della linea ferroviaria Palermo - Trapani, via Milo,  che dal 2013 ad oggi rappresenta una triste realtà che rende assai difficili gli spostamenti dei cittadini e di molti turisti. Negli anni, infatti, nel collegamento tra Trapani e Palermo, essendo interrotta la linea ferroviaria più breve nel tratto fra Alcamo Diramazione e Trapani (via Milo), è stato attivato un tragitto secondario alternativo, ma più lungo perché passante da Castelvetrano il quale ha suscitato e suscita un profondo malcontento negli utenti. Pertanto, noi stiamo monitorando il progetto che, se realizzato, dovrebbe portare ad un miglioramento delle reti ferroviarie rendendole più efficienti e gestite in maniera adeguata e… perché no, si potrebbe pensare alla realizzazione del desiderio di molti: una TAV siciliana.  

Documentandoci, abbiamo studiato nel dettaglio la storia della linea ferroviaria della nostra provincia e individuato le cause che hanno provocato i problemi e i vari disagi che l’hanno resa sempre meno sfruttata.  Dai servizi pubblicati dal giornale TP24 riscontriamo che la linea ferroviaria Palermo – Trapani, tratto via Milo, è in disuso dal 2013, a causa di una frana su cui non si è mai intervenuti. In passato, però, sono stati proposti vari incentivi per nuovi interventi sull'infrastruttura che non hanno mai visto la luce. Ecco alcuni esempi: nel 2003 furono previsti dei lavori di modernizzazione, ma non sono mai stati realizzati; il 24 settembre del 2019, è stato presentato al Ministero dell'Ambiente il progetto di ripristino della tratta ferroviaria Trapani - Palermo via Milo, per mandare in gara la ristrutturazione della linea. Il ripristino della tratta ferroviaria è stato proposto dalla senatrice Pamela Orrù al Governo siciliano facendo inserire il suddetto progetto del Decreto ‘’Sblocca Italia’’ che prevede il ripristino della funzionalità, del potenziamento e della messa in sicurezza della tratta ferroviaria in questione. In aggiunta, la linea ferroviaria Trapani-Palermo via Milo e altre 130 opere sono introdotte nel programma "Italia Veloce", redatto dal governo Conte. Il piano prevede un investimento di 39 milioni di euro per riattivare le tratte bloccate da anni. Un altro progetto è quello di elettrificare la nostra rete ferroviaria nella tratta Cinisi-Trapani; questa richiesta è delle regioni che hanno competenza sul trasporto pubblico locale, che hanno anche contribuito al finanziamento degli investimenti, destinando a queste opere le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020. Nuove informazioni possiamo ricavarle da altri responsabili del progetto sul nostro territorio, come il RUP (responsabile unico del procedimento), l'Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità – Dipartimento delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti e il sindaco della provincia trapanese, Giacomo Tranchida.  Ovviamente, per conseguire i nostri obiettivi, avremo bisogno di ulteriori documentazioni e informazioni. In questo saremo supportati da persone esperte sulla questione del nostro territorio come l’Associazione Politea di Palermo, di cui è responsabile il dottor Giuseppe Verrignol’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), di cui il dottore Roberto Foderà è il referente per il tema dei trasporti e l’EDIC Trapani, cioè l’EUROPE DIRECT- Trapani, il cui referente è la dottoressa Marta Ferrantelli; infine continueremo ad estrapolare informazioni dalla stampa, TV e giornali locali e non solo.  

Pertanto, attraverso il monitoraggio analizzeremo i motivi che hanno impedito l’utilizzo delle somme di denaro destinate ai lavori di manutenzione della rete ferroviaria Palermo-Trapani via Milo per contribuire a rendere più consapevoli i cittadini su un tema così importante per lo sviluppo del nostro territorio.