Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

Via col treno, via al futuro sostenibile.

La Sicilia è una terra di grandi ricchezze ed è dotata di un vasto patrimonio culturale. Annualmente milioni di turisti trascorrono le proprie vacanze  nella nostra isola, apprezzando la nostra ottima cucina e tuffandosi nelle nostre acque celesti. Tuttavia ciò che rattrista è considerare il gran numero di persone che vorrebbero trascorrere le loro vacanze nella nostra bellissima terra, ma, per nostra sfortuna, preferiscono altre mete. Infatti sono  tanti i turisti che si rassegnano a questa scelta a causa di un generale malfunzionamento dei mezzi di trasporto pubblico siciliani, soprattutto quelli della parte occidentale dell’isola. Un esempio fra molti è la linea ferroviaria Palermo-Trapani via Milo. La linea, che collega il capoluogo Siciliano con la provincia più occidentale della Sicilia, è stata interrotta nel 2013 a causa di una frana. Oggi rimane attiva per il suo tratto più lungo che passa per Castelvetrano, Mazara del Vallo, Marsala, per poi arrivare a Trapani, con il conseguente notevole aumento  della durata del viaggio per chi volesse muoversi velocemente tra Palermo e il capoluogo trapanese. Il degrado generale delle linee ferroviarie colpisce, ovviamente, anche i nostri residenti, che rimangono nell'isola tutto l'anno e che sono costretti a lavorare o andare a scuola con grandi disagi. Questa è una delle principali cause che induce molti siciliani ad utilizzare, principalmente, la propria automobile, con un conseguente impatto ambientale negativo rispetto a l’uso dei treni che, al contrario, come ci dimostrano i dati forniti dall'Europa, sono responsabili solo dello 0,5% delle emissioni di gas serra prodotte dai trasporti.  

Per avere un quadro più approfondito e analitico del problema, abbiamo realizzato un'intervista agli esperti Istat Roberto Foderà e Ludovica Ioppolo che con competenza e professionalità ci hanno suggerito come leggere i dati della nostra analisi scegliendo la tipologia giusta di infografica per ottimizzare i risultati della nostra indagine. Ci hanno anche indicato alcuni link utili per individuare alcuni dati che , poi, sono stati da noi utilizzati per costruire l'infografica statica, relativa all'utilizzo dei mezzi di trasporto. Con coraggio abbiamo, perciò, pensato di proporre un confronto tra le reti di trasporto ferroviario siciliana e quelle lombarda.  Dal quale emerge che l'utilizzo del treno e della bicicletta in Sicilia è estremamente inferiore rispetto alla regione Lombardia, mentre al contrario risulta maggiore l'utilizzo delle auto e delle moto con un grave impatto ambientale.Il nostro team si è anche concentrato sulla ricerca di altri elementi consultando articoli, pubblicati da testate locali e nazionali, purtroppo però trovando informazioni scarse, frammentarie e vecchie, come se l’oggetto della nostra indagine fosse ormai del tutto dimenticato.Nella prima infografica dinamica  ci siamo, poi, concentrati sulle diverse modalità con cui si ci può spostare da Palermo a Trapani, in particolare ponendo l'attenzione su ciò che riguarda tariffe, orari e facendo un confronto con gli altri mezzi di trasporto. Infine nella seconda infografica dinamica viene descritta la storia della linea ferroviaria nel suo iter burocratico.

Quale sarà il futuro di questa linea ferroviaria?  Noi siamo fiduciosi che i cantieri si possano sbloccare il prima possibile, così come speriamo che non si rimandi la data ultima di completamento. Questa è una linea fondamentale per un collegamento rapido e sostenibile tra Palermo e Trapani insieme a tutte le città che si trovano lungo la tratta, e ciò è confermato dai dati sulle nostre due infografiche. Nei prossimi mesi, se ci sarà concessa la possibilità, vista la situazione eccezionale legata all’epidemia, faremo delle piccole interviste sottoforma di questionario rivolte ai residenti dei comuni serviti dalla linea ferroviaria per capire cosa pensano dell'opera in oggetto e proveremo a contattare nuovamente il dirigente del dipartimento infrastrutture e trasporti siciliano Fulvio Bellomo per ulteriori informazioni. Ci impegniamo a raccogliere nuovi dati, specialmente quelli che riguardano gli aspetti finanziari, al fine di rendere sempre più trasparente il progetto di cui ci stiamo occupando.