Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
Alla ricerca dell' acqua perduta....
Pitch 1: 

L’acqua dovrebbe essere un diritto per ogni uomo, ma ancora oggi per molti paesi non lo è. Infatti l’accesso universale all’ acqua potabile è uno dei principali obiettivi dell’ agenda 2030.

Beh, noi siamo fortunati: il nostro Paese è tra i più ricchi d’acqua. Ed anche la Calabria, contrariamente a quanto si pensa, dispone di molta acqua. Ma allora, perché in alcune zone manca? Perché ci sono frequenti interruzioni del servizio idrico? Dai giornali si sente spesso parlare di crisi idrica in Calabria, e ciò è dovuto principalmente alle perdite idriche lungo la rete sia fisiche che "amministrative"... Si può fare qualcosa per migliorare? Ecco perché quest’anno ci siamo dedicati al progetto opencoesione sulla ingegnerizzazione delle reti idriche di Vibo Valentia.

Pitch 2: 

Per prima cosa abbiamo analizzato i dati presenti sul portale Opencoesione; abbiamo ricostruito il percorso dell’ acqua dal prelievo alle nostre case; abbiamo elaborato i dati ISTAT sulla distribuzione  dell’ acqua nella città di Vibo Valentia ed abbiamo studiato in cosa consiste il progetto di ingegnerizzazione. Poi abbiamo intervistato, in web conference, i responsabili del progetto e le autorità coinvolte, chiedendo quali fossero i problemi incontrati durante la realizzazione delle opere. Ci siamo anche confrontati con altre scuole, abbiamo esposto la nostra ricerca nel Calabria Open Data Day, abbiamo ricevuto l’incoraggiamento di esponenti politici di rilevanza europea ed abbiamo compreso l’importanza del monitoraggio civico per essere cittadini attivi.

Pitch 3: 

1)Il controllo automatico della rete idrica e le nuove tecnologie di geolocalizzazione dei guasti consentiranno di avere delle gestione più "smart" dei flussi: la "distrettualizzazione" ed il telecontrollo dei parametri di processo consentirà di modulare la portate rispetto al fabbisogno, riducendo al minimo la chiusura/apertura dei serbatoi; 2)  la manutenzione straordinaria non deve "inseguire" le rotture delle condotte, ma dovrà essere preventiva e mirata ai punti dove vi sono anomalie; 3) la lettura automatica dei contatori e l'accesso alle banche dati delle utenze idriche consentirà di effettuare un rapido confronto tra le erogazioni effettuate dalla rete e le forniture contabilizzate, minimizzare gli allacci abusivi e riportare in attivo la gestione economica del servizio.

Immagine ASOC Wall: