Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

Efficientamento energetico delle cantine, non solo risparmio.

Scelta ambiziosa quella del team SolarWine di Marsala dell’Itet Garibaldi per Asoc 21/22: monitorare un finanziamento di efficientamento energetico delle cantine Fina di Marsala.

Scelta anche coraggiosa perché, a differenza di altri team dell’Itet Garibaldi, che negli anni precedenti si sono cimentati nel monitoraggio civico, il team SolarWine ha scelto un finanziamento il cui beneficiario non è un ente pubblico, ma un’impresa privata, le Cantine Fina.

I primi dati raccolti su Open Coesione hanno fatto registrare le seguenti informazioni sul finanziamento:

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE (FESR)

Fondi Strutturali relativi alla programmazione 2014-2020

PROGRAMMA

POR FESR SICILIA

ASSE

ENERGIA SOSTENIBILE E QUALITA' DELLA VITA

OBIETTIVO SPECIFICO

Riduzione dei consumi energetici e delle emissioni nelle imprese e integrazione di fonti rinnovabili

PROGRAMMATORE e ATTUATORE

REGIONE SICILIANA

BENEFICIARIO

FINA VINI S.R.L.

Il finanziamento risulta ancora in corso:

Costo pubblico monitorato

€ 111.957,00

di cui risorse coesione € 111.957,00

Pagamenti monitorati

€ 34.929,44

di cui risorse coesione € 34.929,44 corrispondente al 31%

(Infografica 1)

 

Il team SolarWine si è messo subito alla ricerca di dati legati agli impianti fotovoltaici e alla capacità di riduzione di emissione di CO2.

Tanti i dati trovati e tante le riflessioni che hanno indotto il team a ri-orientare la propria ricerca.

Necessario è apparso, in questa fase, un incontro con un rappresentate delle Cantine Fina.

Il team ha invitato, quindi, il Signor Marco Fina, amministratore della S.R.L. Fina Vini  per un’intervista sull’impianto Fotovoltaico realizzato.

Prima informazione importante ricevuta: all'inizio del progetto si sono affidati ad una società specializzata in consulenza energetica, la Energy management di Federico Gisone, per la definizione dei bisogni della cantina e per stilare il progetto.

L'impianto fotovoltaico realizzato ha previsto il montaggio di 90 pannelli solari sul tetto dei padiglioni della cantina per un totale di superficie di 150mq con una potenza di 40Kw.

L'impianto non è ancora attivo perché si aspetta il collaudo della società elettrica.

Riguardo al finanziamento, rispetto ai dati su Open Coesione,  solo il 10% rimane da utilizzare.

L'efficientamento energetico ha riguardato anche la sostituzione delle lampade esistenti con quelle a led e già è possibile trarre dei bilanci in termine di risparmio energetico.

Nell'anno 2020 con una produzione di 17mila quintali di vino la bolletta di energia annuale è stata di 100.000 euro per un consumo di 595.000 Kw.

Nell'anno 2021 con una produzione di 20mila quintali di vino la bolletta di energia annuale è stata di 77.000 euro per un consumo di 533 .000 Kw. (Infografica 2/3/4)

È lecito prevedere che, quando l’impianto sarà attivo, il risparmio energetico potrà toccare il 50% di spesa annua attuale.

I dati sul risparmio di emissione di CO2, facendo il confronto tra il consumo energetico del 2020 e del 2021, corrisponde a 11 tonnellate di petrolio in meno con un decremento di emissione di CO2 pari a 28 tonnellate. (Infografica 5)

Il team si è chiesto quale risparmio totale in termine di emissione di Carbonio se tutte le cantine di Marsala avessero un impianto di energia rinnovabile, considerando che sono circa 400 le cantine a Marsala, seppure di diversa grandezza.

Nell'Agenda 2030 il settimo goal recita “Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni”, e obiettivo degli Stati dovrà essere quello di investire sulle fonti di energia rinnovabili per modificare le proprie abitudini di consumi.

Lo scopo del nostro progetto è, quindi, di promuovere una consapevolezza civica, attraverso la cultura dell’informazione, che renda ogni impresa e ogni cittadino, soggetti attivi per la propria comunità, facendo conoscere l’impatto che l’utilizzo delle fonti di energia ha nell’ambiente e i danni provocati dalle energie non rinnovabili.

Altro scopo del nostro progetto è far conoscere le opportunità di finanziamento promosse dalla Comunità europea.

È chiaro che all’interesse ambientale fa da riscontro l’esigenza di un risparmio energetico per le imprese al fine di abbattere i costi notevoli in questo contesto attuale di crisi energetica.