Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Pitch

Titolo del Pitch: 
Impianto Sportivo "San Giovanni Bosco" di Locri (RC)
Pitch 1: 

Il Team “Fairplayers" dei Licei Mazzini di Locri partecipa all’edizione 2019/2020 di “A Scuola di Open Coesione” monitorando l'impianto sportivo “San Giovanni Bosco” di Locri (RC) realizzato con Fondi Europei stanziati sul P.O.N. Sicurezza 2007-2013 tramite del Ministero dell’Interno. L’impianto è stato scelto per la discrepanza tra importo finanziato riportato sul sito OpenCoesione e la condizione dei lavori.

 

Pitch 2: 

Soggetto beneficiario e attuatore è il Comune di Locri. L'appalto ha previsto la realizzazione di un nuovo campo da calcetto con spogliatoi e la sistemazione di strutture esistenti, bagni, illuminazione e fornitura di arredi.
I documenti esaminati nella 1ª fase indicano: l'affidamento dell’appalto a una ditta della zona con un ampio ribasso (27,29 %); la disponibilità di un anno di tempo per la conclusione dei lavori a partire dalla data di avvio; la data di inaugurazione dell’impianto avvenuta il 21 dicembre 2018 e diversi documenti di rendicontazione.
In data 21 febbraio 2020 sono stati intervistati il Sindaco della Città di Locri e il Responsabile Unico del Procedimento, i quali hanno confermato che il Comune non è nelle condizioni di farsi carico delle utenze come da convenzione stipulata con il Centro Salesiani poiché in stato di dissesto economico-finanziario ma hanno riferito che tutti i lavori sono stati conclusi. Di parere diverso è il Direttore dell’Opera Salesiana e il Presidente della squadra sportiva P.G.S. intervistati giorno 3 marzo, che hanno manifestato insoddisfazione su come i lavori sono stati portati a compimento.

 

Pitch 3: 

Il team si è poi soffermato sui risvolti sociali del progetto. In un territorio colpito da difficoltà economiche ed emarginazione sociale, un impianto sportivo destinato ai giovani può fornire una speranza e l’occasione di apprendere valori fondamentali per la convivenza civile anche grazie all’opera dei salesiani.
Per questo motivo è stato deciso di realizzare due sondaggi rivolti ai ragazzi della zona divisi per fasce d’età e rilevare: il grado di conoscenza che hanno dell’impianto sportivo; quale valore formativo attribuiscano allo sport e se trovino nei loro paesi le condizioni per praticarlo.
Per favorire inoltre la conoscenza dell’impianto, i “Fairplayers” hanno pensato, durante la fase terminale del monitoraggio, all’opportunità di una campagna di comunicazione. Potrebbe essere l’occasione per creare una rete con le associazioni sul territorio e offrire una formazione sportiva specifica.

 

Immagine ASOC Wall: