Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Raccontare la ricerca

Chi sono gli ElectricGreen?

Siamo i ragazzi delle classi IV e V C T.B.S  dell'I.I.S. "Fermi" di Licata o, se preferite chiamateci pure gli “ElectricGreen”. Per il nostro progetto abbiamo deciso di focalizzare l'attenzione su ciò che concerne i processi di innovazione e di sviluppo fondamentali per ampliare le nostre qualità di vita. Inizialmente non sapevamo quale argomento scegliere, eravamo molto indecisi, volevamo trovare una tematica che ci rappresentasse a 360 gradi. Dopo svariate ricerche finalmente abbiamo trovato l’argomento che faceva al caso nostro, era l’ora di metterci a lavorare e di scambiarci opinioni senza sosta! Abbiamo dato vita al logo, al nome e piano piano è andata crescendo non soltanto la voglia di metterci in gioco, ma anche di affrontare realmente i problemi che ci circondano e cambiare prospettiva, per trasformare ogni sfida in opportunità. Proveremo adesso a riassumere la nostra emozionante esperienza. Inizia tutto dalla parola “Opencoesione”, sapete a chi si rivolge? Non solo ai singoli soggetti, ma anche agli amministratori, tecnici e imprenditori dell’innovazione, ricercatori e giornalisti. Inoltre si basa sulla disposizione e informazione dei dati, per valutare l’efficacia e la coerenza dell’impiego delle risorse politiche di coesione. Con esso si può scoprire quali progetti si finanziano, seguire il loro avanzamento e sollecitare i processi di programmazione e attuazione attraverso iniziative di partecipazione e riuso. Successivamente abbiamo incrementato le nostre abilità e scelto la tematica che più suscitatasse in noi un vivo interesse, ossia E-DISTRIBUZIONE S.P.A. - PROGETTO SMART GRID CABINA PRIMARIA LICATA con seguente codice CUP: F65E18000040002. Questi gli obiettivi guid del nostro progetto: crezione di una Smart grid, ovvero l’insieme di una rete elettrica gestita in maniera intelligente; sostituzione e installazione di nuovi Trasformatori. Tutto ciò ha dato vita ad un lunghissimo dibattito, è stato fondamentale fantasticare su come presentarlo e ascoltare le opinioni di tutto il team. Importantissima anche la suddivisione dei vari ruoli, ognuno ha scelto in base alle proprie idee, conoscenze e soprattutto capacità:

  • PROJECT MANAGER: Cuttitta Giada e Triglia Francesco, il cui compito è quello di stabilire un piano di lavoro con delle scadenze e raccogliere tutti gli elaborati del team;
  • DESIGNER: Morgana Giovanbattista , Oliveri Chiara, Ballacchino Filippo, Tardino Giuseppe, Zambito Mattia, Truisi Gaetano che elaboreranno un logo che rappresenti il team;
  • STORYTELLER: Moscato Francesca, Santamaria Erika, Cumbo Ginevra, Vicari Domenico, Famà Paolo, D'Errico Isabella a cui va il compito di scrivere il racconto e le varie tappe scelte in classe;
  • BLOGGER: Bulone Carlo, La Rocca Davide, Cusumano Vincenzo, Gambino Matteo, Balletti Ivan il cui compito è quello di riassumere le decisioni prese in classe;
  • SOCIAL MEDIA MANAGER E CODER: Consagra Vivian, Consagra Morena, Giganti Annasia, Federico Sofia, Profeta Luigi. Il loro ruolo è quello di riassumere per iscritto tutte le decisioni prese nei vari profili social, creati inizialmente;
  • ANALISTA E CODER: Mangiavillano Carol, Profeta Angelo, Infusino Salvatore, La Rocca Alessandro, Antona Luigi che scriveranno i dati e le informazioni utili per la ricerca.

Creare un team tutto nostro non è stato un gioco da ragazzi, avevamo ancora tantissime domande a cui rispondere, ad esempio perché abbiamo scelto di chiamarci gli “ElectricGreen”? All’inizio non trovavamo le parole giuste per descrivere la nostra risposta, ma grazie ad approfondite analisi abbiamo scoperto che la rete elettrica siciliana, considerata affidabile e resiliente, offre disponibilità a migliaia di clienti e imprese, grazie allo sviluppo di diverse performance. Da lì nasce anche l’idea del logo, la nostra terra avvolta non soltanto dal verde della natura, ma anche dalle nuove fonti che ci circondano e di cui al giorno d’oggi non potremmo farne a meno.