Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Raccontare la ricerca

Con la stessa intraprendenza di Annibale un monitoraggio sfidante

Con la collaborazione dei compagni di classe e con le dettagliate indicazioni delle docenti referenti, abbiamo intrapreso un progetto a cui la nostra scuola "Istituto Suore Salesiane dei Sacri Cuori" di Barletta ha deciso di partecipare. Ci siamo cimentati in questo lavoro per consolidare il rapporto tra i compagni della classe e per comprendere il valore della cittadinanza attiva e del monitoraggio civico. Dal nostro gruppo è stato selezionato il progetto da titolo "Comune di Barletta - Parco Archeologico Canne della Battaglia", riguardante il sito archeologico di Canne, da cui deriva anche il nome del nostro team, ovvero “The archaeologist's team”. Anche il logo deriva dalla scelta del progetto: rappresenta, infatti, una squadra di archeologi intenti alla scoperta di reperti. Simbolicamente, richiama il nostro team che si sta cimentando in un'ardua ricerca di monitoraggio civico. 

I motivi che ci hanno indotto a scegliere questo progetto, sono legati alla vicinanza geografica del luogo alla nostra città e al fatto che il sito archeologico di Canne offra un percorso culturale che richiama la storia romana, medioevale e paleocristiana. Un altro fattore che ha condizionato la nostra scelta è stata la curiosità di indagare su un luogo che non gode di grande considerazione ma che sembra avere un’affascinante storia alle spalle . Lavorando su questo progetto, ci siamo prefissati degli obiettivi precisi: scoprire i motivi per i quali sono stati erogati finanziamenti ma mai usati, valorizzare il patrimonio culturale del sito archeologico e far risplendere questa meta turistica fin ad ora sottovalutata.

L’importanza che stiamo attribuendo al progetto di Open coesione è scaturita dopo la visione di alcuni video in cui i nostri coetanei spiegavano il valore dell'essere cittadini attivi e di ciò che si può apprendere indagando le giuste fonti. Esplorando il sito di Open Coesione, abbiamo così cominciato a scoprire gli strumenti del monitoraggio civico.

Divisi in vari gruppi per effettuare la data expedition, abbiamo preso in considerazione, con  la compilazione dei canvas, potenzialità e carenze di due progetti che si sono rivelati interessanti, in quanto possibili promotori di un’attività di valorizzazione del nostro territorio: la restaurazione del Museo Diocesano S. Antonio e Il Museo Archeologico di Canne. La nostra ricerca si è orientata su quest'ultimo perché più conforme ai nostri interessi per la Storia e per il mondo dell'Archeologia. 

Dividendoci in gruppi, abbiamo iniziato a raccogliere dati per ricostruire la storia amministrativa del progetto scelto, sperimentando il valore e l’importanza degli Open Data nell’esercizio di una cittadinanza attiva. Individuando i vari ruoli, in base ad attitudini e interessi di ciascuno, abbiamo poi iniziato a raccogliere dati e costruire la nostra ricerca avendo come obiettivi quelli di monitorare l’avanzamento del progetto con gli strumenti di Open Coesione, di valutarne le opportunità per il territorio.

Il fine ultimo è di far comprendere l'importanza di valorizzare un sito così importante come quello di Canne, al fine di renderlo appetibile come una "movida" culturale e di far percepire la preziosità di una risorsa che permetterebbe di offrire nuove opportunità lavorative. 

Il progetto Comune di Barletta - Parco Archeologico Canne della Battaglia (C.U.P. F99J15000590002) proposto dalla Fondo per lo Sviluppo e la Coesione relativo alla programmazione 2007-2013, attualmente in corso,  presumibilmente è iniziato il 14/09/2016, con fine prevista per il 24/07/2017. Il progetto è inerente il tema delle Infrastrutture che vuole valorizzare le risorse naturali, culturali e paesaggistiche locali, trasformandole in vantaggio competitivo per aumentare l'attrattività, anche turistica, del territorio, migliorare la qualità della vita dei residenti e promuovere nuove forme di sviluppo economico sostenibile.

Stupisce che la fine effettiva del progetto sia segnata per 30/04/2017 ma di fatto lo Stato di avanzamento sia ancora in corso. Il  costo è di 1.356.313,38 euro, di cui sono effettivamente stati pagati lo 0%.