Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Raccontare la ricerca di dati e informazioni

Il Futuro comincia Ora!

1. In questa prima fase della nostra ricerca, dopo aver guardato alcuni progetti all'interno della nostra città sul sito di OpenCoesione, abbiamo scelto di trattare della "Riqualificazione dell'ex artiglieria". Lo storico complesso della "Caserma Rinaldo Loy", costruito tra la fine degli anni '20 e i primi anni '30, è un'area di 6 ettari circondata da un chilometro di alto muro, e comprende un parco ricco di conifere e circa 20 edifici, che erano adibiti ad un uso militare. L'ex artiglieria si trova a Nuoro, in viale Sardegna, una delle vie centrali della città. La riqualificazione di quest'area, prevede il suo utilizzo come campus universitario, in modo da garantire servizi indispensabili, quali dormitori, mense, aree studio e strutture sportive, agli studenti dell'università di Nuoro. La realizzazione di questo progetto permetterebbe uno sviluppo della città sotto diversi aspetti: in primo luogo attirerebbe studenti interessati a intraprendere le diverse facoltà presenti nell'Università di Nuoro; questo porterebbe certamente un introito economico, favorendo lo svulippo urbano e culturale, in quanto la stessa artiglieria è una parte storica che grazie a questo progetto potrebbe diventare aperta a tutti i cittadini nuoresi.

2. Attraverso le nostre ricerche, da fonti istituzionali e non, abbiamo raccolto alcuni dati. Il progetto dovrebbe iniziare il 06/03/2022, per finire entro il 23/01/2024. Già dal 22/12/1997, in seguito al progettazione del trasferimento della caserma militare nella località di Pratosardo, il comune di Nuoro aveva preso accordi per l'acquisizione della struttura, ma solo nel 2014 una parte del complesso è stata ceduta al comune, mentre la parte restante (comprendente gli ultimi uffici militari ancora in uso) è stata ceduta nel 2019, in seguito all'apertura e dell'agibilità della caserma a Pratosardo. Tramite il "Piano delle periferie", l'Europa ha stanziato  7.550.000,00 €  da utillizzare per la restaurazione di una parte dell'artiglieria di circa 7000 mq. Ci impegneremo a raccogliere ulteriori dati intervistando il sindaco di Nuoro, Andrea Soddu, e coloro che sono direttamente interessati in questo progetto.

3. L'intervento proposto ha l'obiettivo primario di recuperare il contatto con i cittadini, attraverso l'apertura di nuovi accessi e la demolizione di porzioni di mura lungo tutto il perimetro, al fine di rendere il nuovo spazio un luogo riconnesso con la città e con le aree adiacenti. Gli interventi prioritari prevedono una riorganizzazione dei percorsi e collegamenti tra gli edifici e le aree verdi, il completo recupero degli edifici esistenti e il potenziamento e la creazione di un parco che attraversa e avvolge lo spazio urbano. La proposta progettuale consiste nel dare una piena funzionalità ad un nuovo sistema di condivisione sociale creando tutta una serie di servizi utili a tutti le fasce di utenza. La scelta di recuperare il complesso esistente è dettata, oltre che da ragioni legate alla memoria, anche dalla scelta di limitare il consumo di suolo, valorizzare e potenziare le aree verdi, realizzare tutti i collegamenti e le aree sportive in materiale permeabile. Non verranno edificati nuovi edifici, ma si interverrà solo sugli immobili presenti mediante l' utilizzo di materiali biocompatibili che garantiscono la salubrità e il benessere degli utilizzatori, oltre che a garantire l'ecosostenibilità ambientale riducendo al minimo l'impatto ambientale di tutte le fasi di vita dell'edificio. Nelle aree esterne sarà realizzato un sistema di raccolta delle acque,  meteoriche in grado di offrire un immediato contributo in termini economici, in considerazione del continuamento dei costi dell'approvvigionamento idrico. Lo scopo della nostra ricerca sarà volta a capire come tutte queste modifiche saranno effettuate, se si ha già in mente un modo per realizzarle, e nello specifico come si interverrà sulla struttura e sulle modifiche che indubbiamente subiranno le aree circostanti.