Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Articolo di Data Journalism

Pescara pedala sempre di più per un futuro green

                                                       Pescara pedala sempre di più per un futuro green

La città di Pescara da qualche anno ha deciso di valorizzare le sue risorse naturali e culturali favorendo l’uso dei mezzi di trasporto collettivo “green”, dalla bicicletta al monopattino condiviso. Lo scopo di questa azione è quello di promuovere un turismo sostenibile per una “green city” realizzando nuovi tratti di pista ciclabile.
Nel primo grafico statico allegato dal titolo “Indicatori PUMS per il Biciplan” si evidenzia che ad oggi solo il 2% del traffico a Pescara è composto dagli spostamenti in bici. Il Comune punta a raggiungere nel 2027 il 10% e nel 2050 il 20% del totale degli spostamenti e a ridurre in questo modo i giorni di superamento di polveri sottili nell’aria dai 50gg./anno attuali fino a 0.
Con l'atto di concessione del finanziamento "PAR FSC 2007 - 2013 Linea d'azione 1.3.3.a" (approvato con DGR 1076) nel 2015 venivano assegnati al Progetto "Pista Ciclabile" della città complessivi € 1.350.000,00 provenienti tutti dal fondo per lo Sviluppo e la Coesione; il progetto viene identificato con CUP J21B15000190001. Sul sito di Open Coesione risulta che € 1.195.378,98 sono i fondi già spesi e che il progetto è ancora in corso.
Non siamo riusciti ad avere un contatto diretto con l’amministrazione comunale ma dal sito del Comune si evince che, di questi soldi, 66.000 euro sono stati stanziati per la realizzazione del progetto “Ciclostazione”, un centro per il deposito custodito e l’eventuale noleggio di bici situato nella stazione di Pescara Portanuova e che sarà presto raddoppiato anche presso la stazione Centrale della città.
Il dott. Giancarlo Odoardi, coordinatore dei progetti Euromobility e Pesos, si è reso disponibile con le Project Manager del team 4Bike, Chiara Zecca e Vanessa Di Silverio, per un’intervista effettuata on line in data 25.01.2022. Il dott. Odoardi informa che il progetto Pesos è sotto la gestione del Comune stesso in collaborazione con un partner privato. Con questa iniziativa si punta alla sostenibilità dei mezzi di trasporto e ad un maggiore utilizzo delle biciclette nei percorsi casa-lavoro quotidiani. Proprio grazie al progetto Pesos la provincia abruzzese ha vinto nel 2019 la terza edizione del premio
Urban Award, promosso da viagginbici.com e Anci, con il progetto “Bike trial”. Quest’ultimo ha messo alla prova circa 600 dipendenti aziendali che hanno potuto usufruire per un mese delle 140 city-bike (bici elettriche a pedalata assistita) messe a disposizione per compiere il tragitto casa-lavoro. Per diffondere l’utilizzo della bicicletta come principale mezzo di trasporto è necessario ancora attivare una nuova rete primaria che passi dagli attuali 31 Km a 54 Km.
Inoltre la Regione Abruzzo ha stanziato, nel 2021, 300.000 euro riguardanti contributi a fondo perduto fino al 50% per l’acquisto di un mezzo ecologico per nucleo familiare, dei quali l’importo massimo erogato è stato di 300 euro. Sono stati 22 i comuni della provincia ad averne giovato, evidenziando l’aumento di acquisto ed utilizzo delle biciclette tradizionali e a pedalata assistita.
Esaminando i nostri grafici dinamici al link https://infogram.com/dashboard-red-1h8n6m3kev5pz4x si possono consultare i dati sui percorsi ciclabili in essere e in progetto e i numeri sulla quantità di ciclisti presenti nella città negli ultimi dieci anni.
Nel grafico a torta vengono riportate le lunghezze assolute della pista ciclabile pescarese, suddivise in: già costruiti (36.455km), in progetto (3.410km) ed in previsione (16.260km). Ci troviamo quindi al 65% di piste realizzate sul totale preventivato fino al 2050.
Il grafico dinamico raffigurante il quadro generale degli spostamenti nell’ultimo decennio mostra come l’acquisto e l’utilizzo di bici, effettuato da uomini e donne, sia aumentato. Gli anni con il minor interesse nell’ausilio di questi mezzi vanno dal 2012 al 2015, in seguito ai quali si nota una costante crescita, raggiungendo il picco nel 2018.
Le piste ciclabili delle province abruzzesi vengono messe a confronto nel grafico ad anelli. Il primato lo detiene la città di Pescara che, nel corso degli anni (2013-2019) ha costruito il maggior numero di chilometri di pista (96km) rispetto alle altre città abruzzesi.
Il Sindaco Masci afferma che: “Il progetto ha come scopo quello di ridurre le emissioni di Co2, per garantire ai nostri giovani aria pulita”.
Ad oggi, nonostante i picchi fisiologici, quest’ultima rimane nei limiti della norma. I risultati delle analisi dimostrano come il calo dell’inquinamento tra gennaio 2020 e l‘estate 2021 sia stato costante.
Il BICIPLAN, un piano che definisce gli obiettivi e le azioni per promuovere e intensificare l'utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto per le esigenze
quotidiane, è ancora in corso di attuazione e presenta alcuni punti critici: la mancanza di una rete interconnessa, la mancanza di riconoscibilità dei percorsi esistenti e l’assenza di connessioni tra aree collinari e periferiche. L’obiettivo a lungo termine non è quello di progettare una sola rete ciclabile ma un’intera città a due ruote. Le azioni da compiere per migliorare il Biciplan pescarese sono dieci, tutte spiegate e visualizzabili sul sito www.comune.pescara.it per chi volesse saperne di più.
Il progetto piste ciclabili a Pescara dà il via ad una vera rivoluzione ecologica; la crisi pandemica e la crisi climatica ci obbligano a ripensare al nostro stile di vita e a vivere con consapevolezza lo spazio che ci circonda. Siamo sicuri che il completamento del progetto porterà ad un progressivo cambiamento di abitudini e idee che migliorerà l’aria che respiriamo e il nostro stile di vita.
Fonti dati indirette:
www.istat.it
www.progettopesos.it
www.comune.pescara.it/node/288
http://versopescara2027.comune.pescara.it/
https://www.regione.abruzzo.it/content/contributi-lacquisto-di-biciclett...
Fonti dirette:
dott. Giancarlo Odoardi, referente FIAB Pescara Bici e coordinatore progetto Pesos (Pescara sostenibile)