Lingue

User info

Contatti

Open Data, Monitoraggio Civico,

Politiche di Coesione nelle scuole italiane

Raccontare la ricerca

Restauro e valorizzazione del castello Normanno-Svevo di vibo valentia

In quanto classe IV del Liceo Statale ‘Vito Capialbi’ di Vibo Valentia abbiamo deciso di prendere parte al progetto ASOC 2021 con il nome ‘Nuova Generazione’ attraverso il restauro conservativo e valorizzativo del castello Normanno-Svevo di Vibo Valentia. 

La struttura ha origini antichissime, risalenti all’XI d.C. con l’inizio della conquista Normanna della Calabria per mano del condottiero Roberto d’Altavilla detto il Guiscardo. Uno dei territori più influenzati fu l’attuale Vibo Valentia, dove viene eretto il castello Normanno Svevo, che sorge sull’antica acropoli di Hipponion (antico nome della provincia). Nonostante la prima fase di costruzione della struttura venga attribuita all’età Normanna, in realtà, essa risale al periodo svevo. 

L’aspetto attuale del castello è molto differente dall’originale in quanto ha subito pesanti modifiche da parte di Carlo d’Angiò nel 1289, anno durante il quale perse quasi del tutto la funzione militare assumendo quella di un’abitazione nobiliare.  Nel 1783, a causa di un terremoto, la fortezza subì gravi danni, in seguito al quale si decise di demolire il secondo piano. Ad oggi, al suo interno, viene ospitato il Museo Archeologico Nazionale ‘Vito Capialbi’ dedicato all’omonimo conte da cui prende il nome anche il nostro Liceo. Istituito nel 1969 il castello ospita, tra i più importanti reperti archeologici calabresi, il monetiere Capialbi contenente alcuni rarissimi aurei locresi. 

Il castello è entrato in fase di restauro il 13/10/2009 con conclusione il 13/12/2011, anche se non tutti i fondi finanziati dal Ministero dei Beni Culturali sono stati applicati. 

Il gruppo Nuova Generazione ha scelto il progetto per il restauro del castello di Vibo Valentia per i fini museali; poiché per i cittadini rappresenta il modo migliore per valorizzare il patrimonio culturale del territorio vibonese. Con questo lavoro vorremmo esaltare le risorse naturali e culturali per l’attrattività e lo sviluppo, migliorare la qualità della vita dei residenti e promuovere nuove forme di sviluppo economico sostenibile.